Operazione Montagna, Sabella: “Ho chiesto solo di aiutare persone che avevano bisogno di lavorare”

Si è difeso davanti al gip, Filippo Serio, che ha firmato un’ordinanza cautelare in carcere nei suoi confronti per l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, il sindaco di San Biagio Platani, Santo Sabella, finito in manette a seguito dell’operazione antimafia denomianta “Montagna”. Il primo cittadino ha dichiarato: “Non ho concordato alcuna candidatura con esponenti mafiosi ma solo interloquito, come si fa in tutte le campagne elettorali, con esponenti politici del mio paese”.

“Mi sono limitato  a chiedere di aiutare alcune persone che avevano bisogno di lavorare. Non c’era alcuna logica di scambio dietro queste richieste, né si è trattato di pressioni perché di fatto non ha lavorato nessuno di quelli che ho segnalato”, ha detto Sabella.

Sabella deve rispondere di concorso esterno in associazione mafiosa e per voto di scambio, è accusato di avere concordato nel 2014 con alcuni esponenti di Cosa nostra del suo paese, “le candidature da presentare sia nella lista a sostegno della sua lista in occasione delle elezioni comunali di San Biagio Platani del maggio 2014, che in quelle allo stesso contrapposte”, dicono gli inquirenti.

Non solo.

“In occasione delle consultazioni amministrative comunali di San Biagio Platani del mese di maggio 2014, sia quale candidato che una volta eletto Sindaco” Sabella avrebbe raggiunto accordi con i capi mafia del territorio “garantendo loro agevolazioni nella gestione degli appalti pubblici banditi dal Comune, come nel caso dei lavori aggiudicati alla Comil di Favara”. Lo stesso sindaco è anche accusato di avere “messo in guardia Giuseppe Nugara, reggente di San Biagio Platani, dai controlli presenti in paese anche tramite un sistema di telecamere ed averlo invitato a non intrattenere rapporti con un carabiniere in servizio presso la Stazione di San Biagio Platani (dicendogli espressamente ”no devi stare attento . . tutti i bastardi che stanno d’avanti alle telecamere inc… minchia puntano telecamere”; è pericoloso . . che devi stare attento a parlarci)”. Infine, il sindaco avrebbe anche “esercitato indebite pressioni nei confronti delle imprese esecutrici dei lavori appaltati dal Comune e, in occasione della ”Festa degli Archi di pane”, autorizzato la ditta di Filippo Cipolla ad iniziare i lavori ancor prima dell’avvenuta aggiudicazione della gara in favore della ditta ”LVF srl”, che, peraltro, successivamente stipulava con il medesimo Cipolla un contratto di nolo a freddo di attrezzature”.