Oggi è la festa del patrono dei giornalisti: San Francesco di Sales

Francesco di Sales, che grande e nobile  figura. Nato in Savoia nel 1567 nel castello della sua nobile famiglia, studiò a Parigi e poi a Padova con brillanti risultati. Nobile savoiardo, bruciò ben presto le tappe della carriera di avvocato, ma a 26 anni sentì la vocazione a farsi prete e quindi operatore di pace nella Chiesa divisa dalla Riforma protestante. Aprì così il primo “giornale” cattolico, affiggendo manifesti catechistici sui muri delle case, conservando però nelle polemiche pubbliche una rara delicatezza.

Un’opera di apostolato che fruttò in pochi anni la conversione di migliaia di  protestanti, protestanti calvinisti, che rientravano nella Chiesa di Roma… Divenuto vescovo di Ginevra si dedicò alla “direzione spirituale” di innumerevoli persone, uomini e donne che domandavano alla sua delicatezza interiore il discernimento sulla propria vita. Inventò una spiritualità per i laici, e amante delle belle lettere e della lingua francese, istituì ad Annecy l’Academie Florimontane . Comprensibili perciò i motivi che indussero Papa Pio XI nel 1923 a proclamare S. Francesco di Sales, patrono della stampa e dei giornalisti.  San Francesco di Sales, in un tempo di lotte e polemiche, ha reso amabile la Chiesa; ed  è un vero riposo per l’anima contemplare questo santo, leggere i suoi scritti, tale è la carità, la pazienza, l’ottimismo profondo che dai suoi scritti si sprigiona.

Una ricorrenza quella di quest’anno del patrono dei giornalisti che avviene nel contesto di una opinione pubblica sconcertata e smarrita, per le vicende che impegnano spesso i mass media. Per cui non è difficile, nella discussione, passare dalla descrizione di scene concrete di violenza, dalla violenza verbale,…. a quella scritta. Una violenza non meno perniciosa per il bene comune e per la dignità della persona, segno di un pericoloso imbarbarimento dei costumi e del linguaggio, …..si può e si deve talvolta essere anche chiari nella valutazione delle situazioni,…dei problemi…nella visione diversa  da come affrontarli e tentare di risolverli….ma evitare ogni esasperazione….. evitare quella  radicalità nelle contrapposizioni…..che non produce nulla di buono……con dolcezza e fermezza si possono proporre i propri punti di vista…..    Francesco di Sales, giornalista perfetto e soave, (vissuto tra il 1567 ed il 1622, deve insegnare a tutti i giornalisti soprattutto a dire per intero la verità, ma sempre con garbo, con stile e soprattutto con rispetto, liberandosi sempre dalla tentazione di umiliare troppo o addirittura annullare la personalità di chi sbaglia, schiaffeggiandolo quasi con la verità e quindi, col pericolo di cadere nell’eccesso opposto, cioè di servirsi della verità proprio mentre si dice di volerla servire.