Nuove nomine dell’arcivescovo di Agrigento

Ufficializzate dal cancelliere della Curia le nuove nomine disposte dall’arcivescovo di Agrigento, don Francesco Montenegro.

Il cardinale ha nominato: la Commissione per lo svolgimento della Procedura per l’affidamento dei lavori di costruzione del Complesso parrocchiale di Santa Barbara a Licata composta da Nino Gulli –presidente; Gerlando Montana Lampo; Vincenza Lipari – segretaria; Gianluigi Di Marco e Angelo Cuttaia.

Edson Blaise Andrianony Consulente Ecclesiastico dell’Uciim

Inoltre l’Arcivescovo ha nominato il sacerdote Edson Blaise Andrianony Consulente Ecclesiastico dell’Uciim (Unione Cattolica Italiana Insegnanti Medi) della sezione di Canicattì. Mentre Angelo Burgio sarà il cappellano delle Suore dei poveri di San Vincenzo de’Paoli – Casa di Riposo – S. Teresa del Bambino di Gesù» di Campobello di Licata; ed il sacerdote Calogero Montana arà il cappellano delle Suore dei poveri di S. Vincenzo de’ Paoli –Casa di Ospitalità – «Sillitti» di Campobello di Licata.

Giovanni Tesè nominato presidente dell’associazione interparrocchiale di Azione Cattolica Italiana

Ancora l’Arcivescovo ha nominato Giovanni Tesè presidente dell’associazione interparrocchiale di Azione Cattolica Italiana «San Paolo VI» della Città di Naro. Mentre Giovanni Scordino è stato nominato parroco delle Parrocchie Santa Maria La Vetere e San Paolo di Licata; il sacerdote Giuseppe Morreale canonico del Capitolo della Cattedrale di Agrigento e per Giuseppe Agrò è stata confermata l’elezione a Teologo del Capitolo della Cattedrale di Agrigento. Infine monsignor Montenegro ha nominato il sacerdote Gioacchino Falsone Vicario Parrocchiale della Parrocchia San Vincenzo Ferreri di Casteltermini.

In Curia il pimo incontro di formazione

Inoltre, nei locali della Curia Arcivescovile di Agrigento, si è svolto il primo dei tre incontri di formazione permanente rivolto agli operatori dei centri di ascolto delle Caritas parrocchiali previsti da Cariting – Cantieri di formazione, il piano formativo annuale. Il tema dell’incontro è stata la raccolta e la lettura dei dati dell’ascolto. Partendo dalla breve presentazione del Rapporto povertà di Caritas Italiana e dei dati diocesani, è stato illustrato il metodo su come comprenderli e come leggerli.

Impegno della Caritas nelle comunità parrocchiali

Dopo aver ascoltato le singole situazioni ed avviato, insieme alle famiglie in difficoltà, alcune possibili soluzioni, l’impegno della Caritas parrocchiale e della comunità ecclesiale è infatti quello di fare discernimento su quanto appreso, per porre in essere azioni che modifichino lo stile di vita della comunità e permettano a tutti di vivere ed incarnare il Vangelo.