Nuova chiesa a Spinasanta, il Parroco: raccolti 250mila euro

La nuova chiesa del Quadrivio Spinasanta sarà inaugurata il 2 aprile. Ad annunciarlo è stato il parroco don Mario Sorce durante un’omelia domenicale. In tre anni, dalla posa della prima pietra, è stato già completato il 60% dell’intero immobile. Era il 15 giugno del 2015 quando il cardinale, Franco Montenegro con don Mario Sorce, il sindaco Calogero Firetto e tanti fedeli della comunità parrocchiale inauguravano il cantiere del nuovo edificio, progettato nel 1994. La struttura potrà ospitare più di 600 fedeli. Don Mario, parroco della comunità dal 2010, ha ottenuto l’approvazione del progetto da parte della Conferenza episcopale, che ha stanziato 2 milioni e 700 mila euro.

Dopo il bando per l’aggiudicazione della gara, il 20 maggio del 2015, i lavori sono stati affidati alla ditta Barbarino. E per il completamento della struttura sono stati racimolati circa 250 mila euro. Una parte di questi sono il ricavato di offerte (circa 80 mila euro), il resto sono frutto di singole donazioni di facoltose famiglie della zona. Ma il sacerdote ha voluto sottolineare anche la generosità di due pensionati. «Ogni mese – ha detto – nonostante percepiscono una pensione minima (circa 450 euro) vengono in chiesa a portare la loro parte. Dieci euro – aggiunge – che proporzionati al loro reddito sono un gesto di grande significato». Il parroco, famoso perché in passato è riuscito a completare un’altra chiesa, quella di Villaseta, ha reso pubblico il dettaglio delle offerte: Ben 160 famiglie hanno adottato il progetto e 56 hanno finanziato un banco della nuova parrocchia. Queste donazioni hanno reso possibile l’avanzamento dei lavori senza troppi intoppi. «A breve saranno posizionate le travi in cemento per la copertura», ha detto con orgoglio don Mario, che nei giorni scorsi si è recato personalmente in una cava di Piana degli Albanesi per scegliere e contrattare il marmo per rivestire l’altare. «Ho strappato il prezzo migliore» ha dichiarato il parroco.

La nuova struttura, però, sorgerà in un’area non troppo facile da raggiungere. Il Quadrivio Spinasanta è da sempre un quartiere problematico dal punto di vista della viabilità: vi insistono scuole, uffici, a due passi il nuovo Tribunale ed è crocevia di diversi snodi stradali. Per questo, soprattutto in orari di punta, è facile rimanere imbottigliati nei caotici ingorghi, soprattutto adesso che una galleria e il viadotto Akragas sono chiusi per manutenzione. Proprio in queste ore il Consiglio Comunale sta trattando la questione. Con il parere favorevole da parte del Genio Civile, presto al via i lavori per la realizzazione di una rotatoria del diametro di 17 metri, un parcheggio e altre opere per un importo complessivo di 2,4 milioni di euro, rese possibili con i fondi della convenzione attuativa sottoscritta tra Anas e Comune di Agrigento.

Gli interventi, finanziati attraverso le cosiddette misure compensative della Statale 640, riguardano la realizzazione della rotatoria nell’area del Quadrivio, compresa una torre faro alta 20 metri, la sistemazione delle aree limitrofe e di parcheggio, e il completamento di via Basile. Per dare il via ai lavori bisogna espropriare alcune aree ed «incassare» il parere di aula Sollano. «Nel progetto – ha aggiunto il parroco – anche il prolungamento di via Basile, strada che andrà a congiungersi con via Cimarra, creando un anello e migliorando la viabilità per raggiungere la nuova Chiesa».