Nota stampa su Direttive PRG Agrigento

Agrigento – Sono state approvate dalla Giunta Municipale, dopo l’incontro svoltosi presso la Biblioteca Comunale, le Direttive Generali per la revisione al P.r.g. di Agrigento per decadenza dei vincoli espropriativi.
Il P.r.g. tornerà in Consiglio Comunale dopo questa approvazione che ha visto mettere a frutto contenuti di un processo condiviso di confronto. Su sollecitazione dell’Amministrazione Comunale, l”Universita di Palermo, gli Ordini Professionali, le Associazioni, i Sindacati, hanno presentato una serie di proposte che ha concluso la fase di concertazione facendo emergere il loro progetto di Città attraverso un processo condiviso per rispondere alle esigenze migliori per il territorio. Nel Documento appena approvato,sono sviluppati, tra gli altri, i temi di  città al centro di un bacino territoriale sovracomunale, la Fascia costiera, il Centro Storico, mobilità sostenibile, il verde urbano e il sistema dei Parchi, i quartieri periferici, il commercio e le attività produttive, gli spazi rurali, la questione energetica, il rischio sismico ed idrogeologico, la Città a misura di bambini. Il documento passa adesso al Consiglio comunale, dopo un lavoro che è l’ espressione delle diverse forze sociali. È stato fatto dall’amministrazione un lavoro responsabile e di impegno assieme alle diverse forze che hanno partecipato ai tavoli.
A breve verrà costituito l’ Osservatorio Permanente con i partecipanti alla concertazione perché questo processo di condivisione possa continuare.

In data 16 novembre 2016 presso la Biblioteca Comunale Franco La Rocca si è tenuto l’ultimo incontro inerente le Direttive Generali alla Revisione del Piano Regolatore Generale di Agrigento alla presenza di tutti i principali soggetti della vita professionale, economica, sociale e culturale della Città.

Tale incontro ha costituito la tappa finale di un processo di concertazione e partecipazione che l’Amministrazione comunale ha voluto avviare con il coinvolgimento di ordini professionali, sindacati, associazioni e semplici cittadini al fine di arrivare ad un documento che fosse garanzia di piena condivisione dell’intera comunità agrigentina.

Il percorso di concertazione, suddiviso in più sessioni di incontro altamente qualificate, ha testimoniato grande interesse da parte della collettività  rappresentata in tutte le sue sfaccettature, interesse testimoniato da validi contributi degli stakeholders, che recepiti e verbalizzati, costituiscono parte integrante del documento finale.

Le Direttive generali alla revisione di piano fanno seguito ad una intensa e meticolosa attività dell’ufficio tecnico comunale e, sebbene scaturiscano dalla decadenza dei vincoli preordinati all’esproprio in uno con la necessità di mettere in piedi le procedure ambientali (Valutazione Ambientale Strategica), sono state correttamente considerate occasione per avviare un confronto sui temi della pianificazione urbanistica nonché occasione per dare risposte alle legittime aspettative di una intera comunità, quella agrigentina, relativamente ad un processo che ha dovuto scontare ritardi e criticità non indifferenti.

Un plauso va quindi fatto a tutti coloro i quali hanno contribuito in maniera determinante e propositiva al raggiungimento del risultato, ma soprattutto  all’Amministrazione comunale che con apposita Delibera di Giunta ha messo un punto fermo su un percorso determinante per lo sviluppo e la crescita del nostro territorio.

L’auspicio è adesso quello che l’intero Consiglio Comunale, organo deputato alla definizione di un percorso già avviato, possa approvare un documento che a tutti gli effetti può essere considerato frutto del contributo di una intera società che con ammirevole dedizione e partecipazione ha voluto condividere il risultato finale.