Naro chiede aiuti per i danni subiti dal maltempo

A seguito della copiosa pioggia e delle devastanti grandinate che si sono abbattute nel territorio di Naro, il Sindaco Maria Grazia Brandara chiede aiuti statali e regionali per  i danni subiti dal maltempo. Si tratta di danni che hanno colpito  non soltanto gli agricoltori ma anche i proprietari di immobili e strutture, fortemente rovinate dall’anomala e rovinosa grandinata dei giorni 16 e 17 novembre ultimi scorsi. Ad una prima e sommaria stima, i danni alle strutture pubbliche e private, alla viabilità in genere e a quella rurale in ispecie, alle aziende agricole e alle colture ammonterebbero a quasi tre milioni di euro, ma la Giunta Comunale ha già dato mandato all’arch. Luciano Montalbano, dirigente dell’UTC, di provvedere alla quantificazione effettiva e dettagliata dei danni, raccogliendo le istanze dei privati e delle aziende agricole ed effettuando i sopralluoghi e gli accertamenti nelle strutture pubbliche e nelle infrastrutture viarie.

   La Giunta Comunale ha inoltre richiesto al Governo Regionale la dichiarazione dello stato d’emergenza nel territorio del Comune di Naro e la concessione di un congruo contributo sulle spese per gli interventi urgenti volti a fronteggiare l’emergenza causata dal maltempo.

   Sono state inoltre attivate le procedure per l’accesso straordinario al Fondo di Solidarietà Nazionale a sostegno delle aziende agricole danneggiate. “I danni alle colture agricole, alle strutture aziendali e alla viabilità rurale, causati dalla devastante grandinata del 16 e 17 novembre, sono cospicui e preoccupanti- dice il sindaco, Maria Grazia Brandara-. Ma le grandinate e la perdurante pioggia hanno anche causato danni notevoli anche ad immobili (sia pubblici sia privati), alla viabilità comunale e alle strutture ed infrastrutture urbane. Ci stiamo muovendo per ottenere un ristoro dei danni subiti ed invitiamo i cittadini a fare le loro segnalazioni al Comune che provvederà agli adempimenti conseguenti.

       Non solo l’emergenza pandemica, ma anche quella del maltempo e delle avversità atmosferiche stanno mettendo in ginocchio le attività produttive locali e stanno incidendo negativamente sulla stessa vita sociale e relazionale. 

       Ma non ce ne staremo con le mani in mano: lotteremo per risorgere dalle negatività e per tornare all’agognata normalità”.