Movida Agrigento, due esercenti sorpresi a vendere alcolici a minori (uno ha 13 anni). Contestato a un locale musica alta

E’ stata alta l’attenzione della polizia di Stato nei luoghi della “movida” agrigentina in tutto il week-end appena trascorso. Anche nell’ambito delle determinazioni assunte in sede di Comitato provinciale ordine e sicurezza pubblica presieduto dal prefetto Dario Caputo, il questore di Agrigento, Rosa Maria Iraci, ha disposto l’attuazione di mirati controlli e verifiche nei locali notturni del centro cittadino e della periferia.
Nella serata tra sabato e domenica e per tutta la nottata di domenica, massiccio è stato il dispiegamento di uomini e mezzi dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico, che con pattuglie appiedate ed automontate hanno presidiato il centro cittadino affollato di avventori dei numerosi locali presenti.

Soltanto un intervento per segnalazione di lite tra alcuni soggetti in prossimità di un locale del centro urbano, senza alcun riscontro da parte delle forze di polizia intervenute tempestivamente sul luogo segnalato. Esito negativo anche dagli accertamenti eseguiti dagli agenti del “Posto Fisso” di presso il pronto soccorso del locale ospedale.
Nel corso dell’attività di polizia, personale della Divisione polizia amministrativa sociale e dell’immigrazione ha svolto controlli amministrativi presso gli esercizi pubblici della zona e della periferia cittadina, supportati da agenti della squadra Mobile che hanno operato controlli volti a prevenire e reprimere lo spaccio e l’uso di sostanze stupefacenti.

I controlli amministrativi hanno portato al riscontro di violazioni di vario genere con contestuale contestazione ed elevazione delle relative sanzioni. Un locale è stato contravvenzionato, poiché gli agenti hanno constatato la somministrazione di sostanze alcoliche a soggetti minori di anni 18, mentre al titolare di un secondo esercizio pubblico è stato contestato di avere somministrato bevande alcoliche ad un soggetto di anni 13.
Controllato e sanzionato anche un esercizio itinerante che svolge attività di somministrazione di bevande nel centro storico cittadino, mentre ad un altro locale notturno è stata contestata la violazione di emissioni sonore oltre il consentito.

Controlli amministrativi svolti anche in prossimità di una discoteca della periferia cittadina nel corso dei quali veniva denunciato un giovane palermitano per atti contrari alla pubblica decenza e per ubriachezza molesta, nonché a carico del medesimo redatto ordine di allontanamento dai luoghi interessati del controllo di polizia. Nel corso dei servizi venivano segnalati all’autorità amministrativa due giovani quali assuntori di sostanze stupefacenti. I servizi continueranno incessanti su tutto il territorio, specie durante i fine settimana.