Minacce a madre e figlia: condannato 42enne

Il giudice del Tribunale di Agrigento, Giuseppe Sciarrotta ha disposto la condanna a 1 anno e 6 mesi di reclusione nei confronti di R.M., 42enne agrigentino, per i reati di violazione di domicilio, minacce e lesioni. Il giudice ha disposto altresì il pagamento di una provvisionale di 1.000 euro nei confronti di madre e figlia, costituitesi parti civile.

Il pubblico ministero Chiara Bisso, al termine della requisitoria aveva chiesto la condanna a due anni e sei mesi. La vicenda risale al 19 novembre del 2018, quando, l’uomo avrebbe minacciato le due donne, tentando di introdursi nella loro abitazione, dopo essersi arrampicato su uno dei balconi, e infranto un vetro della finestra con una scopa.

“Ti ammazzo e faccio abortire tua figlia”, avrebbe urlato l’imputato. In quel caso è stato provvidenziale l’intervento dei poliziotti delle Volanti che erano stati avvertiti in tempo dalle due persone offese. L’imputato è difeso dagli avvocati Daniele Re e Agnesa Neculai. Le donne dall’avvocato Fabio Inglima Modica.