Mareamico e studenti del classico puliscono il boschetto di Maddalusa

Incuria e mancanza di civiltà, sono le parole che da tempo caratterizzano il boschetto di Maddalusa, ad Agrigento. Negli anni diverse le segnalazioni di discariche a cielo aperto. E anche adesso le cose non sono cambiate. Gli studenti di due classi del liceo classico di Agrigento, su input di Mareamico, si sono armati di guanti e sacchi, e di tanta, pazienza per ripulire il boschetto di Maddalusa. Più di 40 I sacchi di rifiuti raccolti, abbandonati da incivili dopo i festini del 25 aprile e del primo maggio. “Ovviamente questa situazione di degrado e di mancati controlli non può continuare- tuona l’associazione ambientalista- Mareamico ed i suoi volontari non possono sostituirsi alle istituzioni. Noi speriamo solo che questa nuova generazione sia migliore dell’attuale”. Si fa appello a chi di competenza per la mancanza di pulizia cosiddetta “ordinaria”, ma anche ai cittadini stessi affinché facciano la loro parte e mantengano pulita e fruibile la zona. Gli abitanti di contrada Maddalusa hanno più volte chiesto maggiori e migliori controlli , promuovendo nel corso degli anni attività volte alla pulizia del boschetto. Ma se non si contrasta prima di tutto l’inciviltà degli abitanti agrigentini, ripulire la zona non basterà mai. Servirebbe avere un po’ più a cuore la propria città e l’ambiente in generale.