Maltempo si contano i danni, ancora scuole chiuse a Sciacca e Ribera _VIDEO

Scuole ancora chiuse a Sciacca e a Ribera, le località agrigentine colpite duramente dalle alluvioni dei giorni scorsi.

Cessata l’emergenza maltempo, i sindaci Fabrizio Di Paola e Carmelo Pace hanno reso noto oggi di avere incaricato i tecnici comunali di effettuare una ricognizione di tutti gli istituti per verificarne la sicurezza prima di autorizzare il ritorno degli alunni in classe.

Danni ingenti all’agricoltura, allagamenti, frane, strade invase da fango e detriti e chiuse e due dispersi. L’ondata del maltempo che ha colpito la Sicilia ha lasciato una scia di distruzione.

I VIDEO DEGLI AUTOMOBILISTI

I DANNI ALL’AGRICOLTURA

L’ondata di maltempo fa salire il conto dei danni all’agricoltura che per effetto dei cambiamenti climatici con gli eventi estremi ha perso più di 14 miliardi di euro nel corso di un decennio, tra produzione agricola nazionale, strutture e infrastrutture rurali. È quanto afferma la Coldiretti, sulla base dei dati del Crea, nel commentare la devastazione provocata dalle acque nelle campagne, dal Piemonte alla Liguria, dalla Calabria alla Sicilia.

Questa volta sono finiti sott’acqua – sottolinea la Coldiretti – migliaia di ettari di terreno con inondazioni di serre e allevamenti, raccolti distrutti e coltivazioni perdute, dalle piante aromatiche alle nocciole del Piemonte fino agli agrumi in Sicilia con il 50% della produzione tra Ribera e Sciacca che è andata perduta, ma gravissima nelle aree rurali è la situazione della viabilità con molte aziende agricole che sono inaccessibili.

Nelle regioni colpite la Coldiretti chiede l’istituzione di un tavolo di crisi che permetta di analizzare in maniera concreta i danni e mettere in campo, subito, le misure necessarie per permettere alle aziende di continuare la loro attività. A causa della cementificazione ogni giorno sparisce – precisa la Coldiretti – terra agricola per un equivalente di circa 400 campi da calcio (288 ettari) e quella disponibile non riesce più ad assorbire adeguatamente la pioggia.