Mafia, Riesame annulla arresto notaio agrigentino

I giudici del Tribunale del Riesame di Messina hanno annullato l’ordinanza di custodia cautelare, emessa nell’ambito della maxi operazione antimafia “Nebrodi” nei confronti del notaio Antonino Pecoraro, 74 anni, di Canicattì. “Nessuna motivazione si rinviene nel corpo del provvedimento in merito alle esigenze cautelari”, scrivono i giudici.
Pecoraro era finito ai domiciliari, con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, dalla metà di gennaio, su ordine del Gip di Messina. Ma ora i giudici del Riesame hanno ritenuto che non fossero motivate le esigenze cautelari. Il professionista è difeso dagli avvocati Sergio Monaco e Alberto Gullino.
Il notaio è uno dei 94 arrestati nel blitz dei carabinieri del Ros e dalla Guardia di finanza.