Mafia, “Halycon” e “Assedio”: processo si divide in due tronconi

Otto imputati rinviati a giudizio, e altri dieci scelgono il rito abbreviato. Questo l’esito dell’udienza preliminare del processo, scaturito dalle inchieste antimafia “Halycon” e “Assedio”, che ha disarticolato la nuova famiglia mafiosa di Licata, che avrebbe stretto accordi con la politica e la massoneria deviata per portare soldi facili alle casse di Cosa nostra avanti.

Vanno all’abbreviato il boss Angelo Occhipinti, inteso “Piscimoddu”, 65 anni, di Licata; Giuseppe Galanti, 62 anni, di Licata; Giacomo Casa, 65 anni, di Licata; Angelo Graci, inteso “Trappolina” 33 anni, di Licata; Vito Lauria, 50 anni di Licata; il farmacista Angelo Lauria, 46 anni, di Licata; il funzionario della Regione Lucio Lutri, 61 anni, di Mistretta, residente a Palermo; Giovanni Mugnos, 54 anni; Giuseppe Puleri, 41 anni di Campobello di Licata; Raimondo Semprevivo, 48 anni, di Licata. Questo troncone continuerà il 19 ottobre prossimo con la requisitoria del pubblico ministero.

Il Gup del Tribunale di Palermo, Claudia Rosini, ha disposto il rinvio a giudizio di Angelo Bellavia, 65 anni di Licata; Antonino Cusumano, 44 anni, di Licata; Giovanni Lauria, detto “Il professore”, 79 anni, di Licata; Antonino Massaro, 61 anni di Licata; Salvatore Patriarca, 42 anni, di Vittoria; Alberto Riccobene, 53 anni di Palma di Montechiaro; Gabriele Spiteri, 47 anni, di Licata; e Vincenzo Spiteri, 53 anni, di Licata.

La prima udienza del dibattimento è in programma il 15 ottobre prossimo davanti ai giudici della prima sezione penale del Tribunale di Agrigento, presieduta da Alfonso Malato. Due le posizioni stralciate per differenti ragioni: Vincenzo Bellavia, 35 anni di Licata, aveva chiesto di essere interrogato e per un disguido non si è provveduto, per Marco Massaro, 36 anni di Licata è stato, invece, eccepito un difetto di notifica.

Il collegio difensivo, fra gli altri, è composto dagli avvocati Angela Porcello, Giovanni Castronovo, Santo Lucia, Chiara Proietto, Lillo Fiorello e Angelo Balsamo.