Mafia, chiesta sorveglianza speciale per boss e figlio. Sospese le licenze

La Questura di Agrigento, nel’ambito dell’inchiesta antimafia “Vultur”, ha chiesto la Sorveglianza speciale di pubblica sicurezza a carico del boss di Camastra, Rosario “Saro” Meli, detto il “puparo”, per il figlio Giuseppe Meli, e per il tabaccaio Calogero Piombo (difesi dagli avvocati Angela Porcello e Nico D’Ascola).

A decidere sarà il Tribunale di Palermo. Prima udienza il 19 dicembre. Il questore di Agrigento, Rosa Maria Iraci, inoltre, ha sospeso le licenze dell’agenzia di onoranze funebri di proprietà della famiglia Meli, e della tabaccheria di Piombo.