Lo chef Michele Greco: “Cerco di far parlare direttamente il pesce”

Crespelle con all’interno salmone, besciamella e spiaci e ancora cannelloni al sapore di mare. Sono due esempi delle prelibatezze che per la prima volta, in provincia di Agrigento, si possono gustare. L’idea è stata del giovane Fabio Russo che dopo aver lanciato una pescheria ad Aragona ha deciso di scommettere su un’attività che dalle nostri parti non è mai stata lanciata: una rosticceria di pesce con tanto di panini e piadine arricchite con il pesce fresco pescato direttamente nel mare africano tanto caro al Nobel, Luigi Pirandello.
Grazie anche all’inventiva dello chef Michele Greco la rosticceria di pesce che si trova a Favara in via Olanda è subito decollata.
“Cerco di far parlare direttamente il pesce – dice lo chef agrigentino – sono sempre alla ricerca di nuove ricette che la gente possa apprezzare. Sono certo che la rosticceria di pesce diventerà un punto fisso per tantissima gente. Sono tanti che amano il pesce che contiene anche l’Omega 3 che tanto bene fa al nostro organismo”.
“Ho voluto scommettere su questa nuova attività – dice Fabio Russo – per andare anche a colmare un vuoto nella nostra provincia. Da tempo pensavamo a questa attività, ma prima ho voluto documentarmi per bene, In Sicilia qualche attività simile c’è già, ma la rosticceria ittica regala emozioni pure al palato così come succede in Campania e in Emilia dove se ne trovano diverse”.