Licata, “hashish” in casa: 55enne arrestato

LICATA: deteneva nella propria abitazione 65 grammi di “Hashish”. 55enne disoccupato arrestato dai Carabinieri.

Foto CC cinofiliI Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Licata, nel corso di un servizio finalizzato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e psicotrope, hanno arrestato Pietro Angelo Lauria, 55enne di Licata, già noto alle forze dell’ordine.  L’uomo sendo quello che riferiscono i carabinieri è responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I carabinieri hanno inoltre  segnalato alla Prefettura di Agrigento S. L., classe 1990 e L. F., classe 1992, in quanto responsabili di detenzione illecita per uso personale non terapeutico di sostanze stupefacenti o psicotrope.

In particolare i Militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, con l’ausilio di due unità cinofile del Nucleo Cinofili Carabinieri di Palermo, a seguito di una mirata attività info-investigativa, hanno perquisito l’abitazione del 55enne licatese, nel centro della città di Licata, nel corso della quale il soggetto veniva trovato in possesso di 65 grammi circa di sostanza stupefacente del tipo “hashish”,  che deteneva ben occultata in un’intercapedine del forno della cucina, rinvenuti  in seguito a segnalazione dell’’unità cinofila, nonché ulteriori 1,2grammi di “hashish” e 1 grammo di “marijuana”, rinvenuti in degli indumenti nella disponibilità dei due figli.

L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva accompagnato presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.