Lezioni in ritardo nel sistema di istruzione e formazione professionale: si attende avviso della Regione

Il sistema di istruzione e formazione professionale (IeF. P.) si articola in percorsi di durata triennale e quadriennale, finalizzati al conseguimento – rispettivamente – di qualifiche e diplomi professionali. In Sicilia sono presenti diversi enti che sono alle prese con ritardi da parte della Regione per l’avvio delle lezioni del quarto anno.  “I ragazzi del quarto anno non sono tornati in aula”: queste le parole dei genitori di alcuni giovani che frequentano uno degli enti di Agrigento. E continuano: “Dicono che dipenda dalla Regione ma siamo a dicembre”. Di fatto sono in un limbo di ritardi. I mugugni non mancano, i genitori di alcuni studenti, costretti a casa, non ci stanno e chiedono la ripresa dell’attività scolastica ed attendono risposte. In questi giorni sono partiti gli esami dei ragazzi del terzo anno che dovrebbero concludersi a metà del prossimo mese di gennaio. “L’Euroform è a fianco dei genitori- dice il direttore, Salvatore Licata-. L’avvio del quarto anno dipende dall’assessorato regionale istruzione e formazione professionale,  serve un avviso pubblico come per noi anche per tutti gli enti della Sicilia. Non è un fatto automatico, finisce il terzo e inizia il quarto, ma è necessario l’avviso pubblico da parte dell’assessorato competente. Se fosse dipeso da noi le lezioni sarebbero già iniziate da qualche mese.” Per le scuole pubbliche la Regione emana un calendario scolastico statale, mentre gli enti che organizzano percorsi di istruzione professionale sono demandati alla regione di competenza che provvede con avviso pubblico e decreto  sulla base di risorse finanziarie disponibili. “Siamo a fianco dei ragazzi- ribadisce Licata-  per cercare di fare avviare nel più breve tempo possibile le lezioni e dare loro la possibilità di conseguire il diploma tecnico rilasciato con il quarto anno. Gli studenti che frequentano la scuola studiano e imparano un mestiere perchè svolgono tante ore di laboratorio  trasmettendo le competenze e le abilità e, così, essere pronti per il mondo del lavoro “. E’  facile che tra qualche giorno uscirà il decreto per il quarto anno e, così, gli enti potranno avviare le lezioni.