Lega Pro, 26/a giornata: Akragas beffata nel finale. L’unica siciliana a vincere è il Siracusa

Lega Pro, 26/a giornata: Akragas beffata nel finale. L’unica siciliana a vincere è il Siracusa

ANTONIO IOPPOLO

Com’è ampiamente noto l’Akragas esce sconfitta dal Ceravolo di Catanzaro proprio nel finale di una gara non certo entusiasmante. Il Catanzaro ha avuto il merito di crederci fino alla fine e di concretizzare l’ultima occasione a propria disposizione: cross di Icardi, Pane non trattiene e Giovinco insacca alle sue spalle. Resta solo tanta amarezza per l’occasione sprecata, ma bisogna fin da subito pensare al futuro senza rimuginare troppo sul latte versato.

A Catania, invece, succede poco e a prevalere è la noia. La prima di Petrone con gli etnei lascia tanti punti interrogativi: palese difficoltà nel costruire manovre degne di nota e troppo immobilismo da parte di tutti i giocatori, i quali, restando troppo statici, non riescono a creare spazi tra le fitte maglie del Taranto. Nel finale, tuttavia, arriva una ghiottissima occasione sui piedi di Pozzebon, che colpisce a botta sicura, ma è superlativa la risposta dell’estremo difensore pugliese. Onestamente, troppo poco per conquistare tre punti con merito.

L’unica siciliana a vincere è il Siracusa di Sottil: partita vibrante col fanalino di coda Melfi (per i lucani si tratta della decima sconfitta consecutiva) e rimasta in bilico fino ai minuti finali quando a fare la differenza è stata la maggior freschezza dei nuovi entrati Azzi e De Respinis letteralmente devastanti.

Una delle settimane più travagliate della storia del Messina si conclude con una sconfitta. A Pagani, nonostante un buon inizio di gara, la squadra di Lucarelli deve arrendersi di fronte a una Paganese più convinta e sospinta dal proprio pubblico. Succede tutto nel primo tempo e ai peloritani non bastano, non possono bastare, una ventina di minuti di buon gioco. Poi, nella ripresa i giallorossi tengono il pallino del gioco, ma non creano mai grattacapi alla retroguardia azzurrostellata.

In vetta alla classifica, spiccano i successi del Lecce a Reggio Calabria e, soprattutto, quello del Foggia sul Matera. Per gli uomini guidati dal siciliano Auteri si tratta della terza sconfitta consecutiva. Mentre, nella zona bassa della classifica, la lotta si fa sempre più serrata anche in virtù dei due punti di penalizzazione che molto presumibilmente verranno comminati al Messina per il ritardo accumulato nel pagamento degli stipendi.

 

Ecco di séguito i risultati della 26/a giornata:

Catania-Taranto 0-0
Catanzaro-Akragas 1-0  89′ Giovinco
Fidelis Andria-Casertana 0-2  17′ Rainone, 80′ Corado
Foggia-Matera 3-1  20′ Agazzi, 35′ Deli, 40′ aut. Mattera (F), 77′ Iannini (M)
Paganese-Messina 2-0  30′ Alcibiade, 41′ Firenze
Reggina-Lecce 1-2  21′ Marconi (L), 28′ Coralli (R), 47′ Doumbia (L)
Siracusa-Melfi 3-1  19′ Scardina (S), 50′ Marano (M), 84′ De Silvestro (S), 90′ De Respinis (S)
Unicusano Fondi-Monopoli 1-0  59′ Tiscione
Vibonese-Juve Stabia 0-1  78′ Morero
Virtus Francavilla-Cosenza 1-0  Ayina