Lega Pro, 25/a giornata: Akragas e Messina, che cuore! Siracusa sconfitto a Lecce

Lega Pro, 25/a giornata: Akragas e Messina, che cuore! Siracusa sconfitto a Lecce

ANTONIO IOPPOLO

Lo scrivevamo pochi giorni fa: l’Akragas contro il Catania non avrebbe dovuto avere paura e non l’ha avuta. O meglio, sì l’ha avuta, ma solo per mezz’ora. I Giganti ieri apparivano come Davide e il Catania come Golia; a dire il vero anche in tribuna prima del fischio di inizio il pessimismo la faceva da padrone e, invece, oggi stiamo a raccontare tutta un’altra storia. E abbiamo sbagliato anche noi perché abbiamo scritto che una vittoria come quella della scorsa stagione sarebbe stata inimmaginabile e, invece, è stata persino migliore; di fatto, partite come quella di ieri possono solo essere sognate da dei visionari e, certamente, ieri Pezzella e Salvemini, Longo e Coppola, Pane e Bramati e tutti gli altri lo sono stati. Tre punti d’oro, quindi, per la pattuglia di Di Napoli; tre punti che se da un lato non allontanano sensibilmente la griglia dei playout quantomeno annullano i concomitanti successi delle dirette concorrenti come Vibonese, Taranto, Messina e Paganese. Dall’altro lato, invece, il Catania: una squadra tanto autorevole in casa come irriconoscibile in trasferta. Diciamola tutta, anche nella prima mezz’ora, in vantaggio di una rete, non aveva certo impressionato e poco a poco è arretrato sotto i colpi contundenti degli akragantini. In termini di classifica, però, non cambia nulla: i playoff restano ampiamente alla portata degli uomini di Pino Rigoli. Eppure, sconfitte così possono corrodere l’anima se non si dovesse trovare la forza di reagire immediatamente.

Dai visionari di Agrigento ai visionari di Messina il passo è breve: 2-1 in rimonta al Catanzaro, quarta vittoria casalinga consecutiva e Lucarelli su tutte le furie per il caos e l’incertezza che regnano dal punto di vista societario. Ha ragione il tecnico toscano quando dice che i suoi giocatori stanno dando una lezione di professionalità e attaccamento alla maglia. “Lo stile Messina lo stanno facendo i calciatori, i quali stanno compiendo un vero e proprio miracolo sportivo che entrerà nella storia“. Effettivamente, davanti un pubblico silente per buona parte della gara, i giallorossi hanno trovato la forza di reagire al gol direttamente da centrocampo di Carcione e di infilare un uno-due micidiale nel giro di pochi minuti. Adesso, si attende il pagamento degli stipendi e l’ora X scatterà giovedì 16; poi, si corre il rischio di perdere definitivamente la bussola.

Esce sconfitto il Siracusa di Andrea Sottil dallo stadio Via del Mare di Lecce e non basta una generosa prestazione, forse la migliore formato trasferta, di questa stagione. Catania e De Silvestro sprecano la bellezza di quattro palle gol nel primo tempo e i padroni di casa trovano il vantaggio grazie a un rigore trasformato da Caturano. In avvio di ripresa, poi, Catania si fa parare un rigore da Perucchini e pochi istanti prima Doumbia, che lo colpisce al volto a gioco fermo, non viene espulso. La giornata negativa si concretizza definitivamente al quarto d’ora quando Malerba sbaglia un intervento e insacca nella propria porta. A nulla vale il gol De Silvestro e nel finale Turati sfiora il pari. Nonostante la sconfitta, gli aretusei restano in undicesima posizione a solo un punto dalla Casertana e sabato contro il Melfi hanno l’occasione di riprendere la marcia alla conquista di un posto nei playoff.

 Ecco di séguito i risultati:

Akragas-Catania  2-1  12′ rig. Mazzarani (C), 58′ Pezzella (A), 72′ rig. Salvemini (A)
Casertana-Vibonese  1-2  13′ Rajcic (C) 29′ Ali Sowe, 32′ Piroska (V)
Cosenza-Reggina  lunedì ore 20:45
Juve Stabia-Unicusano Fondi  1-1  45’+2 Izzillo (J), 81′ Giannone (U)
Lecce-Siracusa  2-1  41′ rig. Caturano (L), 59′ aut. Malerba, 74′ De Silvestro (S)
Matera-Virtus Francavilla  2-3  30′ Nzola (VF), 48′ Alessandro (VF), 55′ Carretta (M), 77′ Nzola (VF), 79′ Lanini (M)
Melfi-Fidelis Andria  1-2  3′ Cianci, 44′ Croce (F), 72′ Marano (M)
Messina-Catanzaro  2-1  70′ Carcione (C), 71′ Anastasi, 77′ Da Silva Gladestony
Monopoli-Paganese  0-2  15′ Cicerelli, 31′ Della Corte
Taranto-Foggia  2-0  60′ Magnaghi, 84′ De Giorgi