Incontro operatori della cultura, dello spettacolo, della musica e dell’arte

E’ stata un’esperienza bellissima la riunione tenuta mercoledì pomeriggio con gli operatori del mondo della cultura, dello spettacolo, dell’arte e della musica. Una riunione tecnica, quella tenuta nella sede del comitato elettorale al viale della Vittoria 315, che è servita per conoscere dai diretti protagonisti,  i problemi e le esigenze di chi porta alla nostra città un grande contributo al miglioramento della qualità della vita organizzando spettacoli, mostre o concerti che arricchiscono le giornate degli agrigentini e dei turisti, e aiutano l’economia dei servizi e della ristorazione.

Ma hanno bisogno di un aiuto “pubblico”, per questo mi hanno chiesto di inserire nel mio programma elettorale aspetti che solo loro possono conoscere, come, ad esempio,  la necessità di avere una sede comune dove poter svolgere le prove a costi contenuti. Un locale dove le compagnie o i gruppi folkloristici possono provare in orari e giorni concordati affrontando solo le spese della luce o delle pulizie. E’ stato segnalato che nel teatro Pirandello vi sono diverse sale nei piani superiori che potrebbero essere utilizzate per questi scopi e che anche nel centro storico vi sono dei locali che potrebbero essere dati in comodato d’uso gratuito alle compagnie e agli artisti per creare un’area dell’arte, della musica, dello spettacolo e della cultura. Ci si è soffermati anche sull’importanza degli spettacoli estivi e di cosa portano nelle piazze e nei quartieri decentrati della città.  

C’è che ha auspicato una simbiosi fra Comune e privati  facendo sì che i privati possano essere nelle condizioni di organizzare spettacoli ed eventi che portano benefici a entrambi ma soprattutto alla cittadinanza e ai turisti ma che bisogna avere adeguati collegamenti di bus e taxi in occasione di spettacoli. Si è proposta anche la creazione di un circuito degli spettacoli magari con un cartellone annuo degli eventi e dell’utilizzo dell’anfiteatro del Parco Icori per manifestazioni e spettacoli all’aperto. E’ stato ricordato che ci sono state compagnie e gruppi musicali che hanno prodotto spettacoli che oltre ad essere andati in scena ad Agrigento poi sono andati in tour in Sicilia e in Italia portando avanti il buon nome della cultura agrigentina . Si è quindi parlato di mettere in rete le associazioni che potrebbero gestire i monumenti storici o le strutture chiuse o poco sfruttate del centro storico.

Naturalmente ho segnato tutto e fatto tesoro di queste segnalazioni che condivido e che inserirò nel mio programma elettorale. 

Intanto ringrazio tutti gli intervenuti che hanno sacrificato un momento della loro giornata per presentare le loro idee condividendole con me e con gli altri operatori.  Per me la partecipazione è importante ed è un grande momento di democrazia.

Franco Miccichè