Impianto dentale: di cosa si tratta

La perdita di un dente è un evento comune a molte persone, che soffrono di problemi legati alla salute del corpo, come la carenza di calcio, o pur semplicemente hanno subito un trauma a causa di un incidente qualsiasi, come una brutta caduta. Nell’eventualità della caduta di un dente, vi è la possibilità di sostituirlo con una protesi, che viene chiamata impianto dentale. Queste protesi fisse, risolvono il problema del dente mancante, senza dolori e soprattutto senza evidenze estetiche. Ciò significa che una volta impiantata la protesi dentale, l’arcata dentale apparirà sana ed integra, come se il dente sostituito fosse naturale.

Come è fatto un impianto dentale
In medicina, un impianto dentale è una protesi fissa utilizzata per la sostituzione di un componente dell’arcata dentale caduto, fratturato o malato. La protesi in materiale artificiale assume una funzione eguale a quella della radice naturale del dente sulla quale viene applicato il dente in ceramica.

In particolare, l’impianto dentale è costituito da:

La vite che viene inserita nel tessuto osseo. Essa svolge simile funzione a quella della radice naturale di un dente, ossia quella di fissare l’elemento dentale al tessuto osseo. La sua forma è cilindrica ed ha le filettature tipiche di una normale vite. Viene inserita all’interno del tessuto osseo mandibolare o mascellare a seconda dello spazio privato del dente e permette al chirurgo medico di inserire e fissare la protesi all’arcata dentale del paziente. Questo processo viene chiamato in medicina osteointegrazione.

Una piccola struttura, che può essere di metallo o ceramica, viene inserita a cavallo della vite, in modo tale che colleghi la vite stessa alla protesi dentaria vera e propria. Questo piccolo elemento prende il nome di abutment.

L’ultimo elemento che compone l’impianto dentale è la protesi. Essa è la corona artificiale che sostituisce interamente il dente mancante.

Quanto dura un impianto dentale
La scelta di impiantare una protesi dentale è una soluzione definitiva, ciò significa che una volta fissato il dente artificiale non dovrebbero esserci problemi di usura o altro. Se installato nel modo corretto, se curato con manutenzione medica periodicamente, se pulito accuratamente secondo le guide del medico, può durare per almeno 10-15 anni dall’impianto.
I vantaggi sono quindi notevoli non solo per quanto riguarda l’estetica, ma anche per quanto riguarda l’igiene orale, la salute della cavità in generale e per il benessere della persona. E’ possibile trovare sul mercato impianti dentali economici in modo da permettere anche a chi non ha molta disponibilità di poter avere un sorriso sempre perfetto.