Il Fridays for Future all’IIS “G.B. Odierna” di Palma di Montechiaro

Inquinare il mare è come mettere del veleno nel bicchiere in cui beviamo ogni mattina. Spesso trascuriamo che dal mare dipende il futuro del nostro pianeta. Quando facciamo del male al mare lo facciamo a noi stessi. Inquinare il mare è un suicidio collettivo”. Con queste parole, stamani, l’alunna dell’I.I.S. “G.B.Odierna” di Palma di Montechiaro, Sofia Castellino, ha invitato tutti gli studenti e compagni a riflettere sull’importanza del rispetto ambientale in occasione del Fridays For Future, l’evento internazionale di protesta, al quale partecipano tutti gli studenti che decidono di non frequentare le lezioni scolastiche per un venerdì per manifestare in nome della salvaguardia del Pianeta dal cambiamento climatico e dal surriscaldamento globale.

Oggi, sono stati più di 300 mila gli studenti nelle piazze italiane scesi per manifestare, così come quelli dell’Odierna che, tuttavia, hanno preferito farlo in maniera differente. Infatti, i rappresentanti di istituto, Marco Bonsignore, Giuseppe Rapisardi, Domenico Castellino e Giuseppe Falcone, hanno concertato insieme alla dirigente Annalia Todaro di manifestare rimanendo a scuola, piuttosto che andare nelle piazze, per approfondire le tematiche sul rispetto dell’ambiente e per discutere sulle iniziative promosse dal Comune di Palma di Montechiaro nell’ambito della raccolta differenziata. In tal senso, come ha affermato l’alunna Alessia Vinciguerra “interessante è stata la scelta della Dirigente a volere coinvolgere direttamente noi giovani, perché quando si dice che dobbiamo cambiare il mondo per migliorarlo, quel cambiamento deve venire in primis da dentro di noi. Ed è solo discutendo realmente dei problemi che affliggono la Terra che possiamo pervenire ad una soluzione che la salvi”.

Il dibattito che si è aperto è stato moderato dall’alunno Marco Bonsignore e vi hanno partecipato l’alunna Esmeralda Vigilante, che con Sofia Castellino e Alessia Vinciguerra ha rappresentato l’Associazione Mare Vivo, l’alunno Giorgio Cirino che è intervenuto per l’Associazione Puliamo Palma e, infine il sindaco del Comune di Palma di Montechiaro Stefano Castellino e il presidente di Palma ambiente prof. Giuseppe Spina

Il professore Giuseppe Spina ha ribadito che Palma ambiente è una società voluta fortemente dal sindaco Castellino, nata con lo scopo di migliorare i servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti e incentivare la raccolta differenziata, badando alle spese e all’abbattimento dei costi in modo tale che non gravino sui cittadini. “E’ per questo motivo– ha aggiunto- che a breve tutti gli uffici e le scuole del paese saranno muniti di mastelli per la raccolta differenziata”.

Successivamente l’alunno Giorgio Cirino ha parlato dell’Associazione Puliamo Palma nata, oltre che con lo scopo di pulire le spiagge del paese, con quello di sensibilizzare la gente, e in particolar modo i più giovani, perché il cambiamento deve partire da essi. Puliamo Palma è un’associazione sorta durante la scorsa estate quando un gruppo di giovani ha deciso di pulire le spiagge di Marina di Palma. “Non è stato facile trovare il sostegno delle persone, che inizialmente erano totalmente indifferenti all’attività svolta da noi” ha precisato l’alunno- “eppure, se desideriamo un mondo più pulito, dobbiamo intervenire prima che sia troppo tardi. Speriamo che presto, la nostra associazione possa avere l’appoggio del Comune”.

E’ proprio con questo intendo che gli studenti di due classi dell’Odierna, quest’anno per l’alternanza scuola lavoro, in comune accordo con la Dirigente hanno stabilito di recarsi nelle spiagge dell’agrigentino per liberarle dalla plastica, dalle cicche di sigarette e da tutta l’immondizia che vi si accumula a causa delle cattive abitudini di chi le frequenta. L’attività comincerà domani e partirà da Siculiana Marina.

Stimolare i giovani al rispetto ambientale è fondamentale, perché questi a loro volta educheranno i giovani di domani ad avere cura del pianeta e a rispettare la natura. E quando ciò avverrà, significherà che i progetti attivati sono stati efficaci” ha sottolineato il Sindaco di Palma che si è reputato soddisfatto dall’interessamento mostrato dai giovani studenti palmesi verso una tematica così importante. Il sindaco ha evidenziato anche il fondamentale e delicato ruolo della scuola perché essa è il luogo privilegiato e deputato a sensibilizzare gli animi dei giovani verso le problematiche attuali, appunto perché “l’obiettivo fondamentale da fargli raggiungere è quello di farli crescere, studiare, ed educarli ai sani valori ”, come quello per il rispetto dell’ambiente.