Il consigliere Simone Gramaglia replica ai consiglieri Zicari, Bongiovì e Alongi

 Il consigliere comunale indipendente Simone Gramaglia replica ai colleghi  consiglieri : Zicari, Bongiovì e Alongi , dopo che gli stessi sono intervenuti con una  nota sul personale comunale. “Non sono aduso a fare polemiche sterili e improduttive all’interno di un’Aula  Sollano sempre più sfilacciata e dedita a mettersi in mostra talvolta con interventi  poco coerenti con la propria attività consiliare. Però a onor del vero è corretto che i dipendenti comunali e i cittadini sappiano come  stanno realmente le cose nell’interesse legittimo della buona amministrazione e delle  criticità in corso. Leggo alquanto stupito che gli stessi consiglieri in una nota trattano il piano del  fabbisogno del personale naturalmente cosa vera che è una priorità e una criticità in  corso all’interno del Palazzo di Città per i pensionamenti degli ultimi anni e per un  ricambio generazionale e naturale che è uno sbocco indispensabile per i settori del  comune e per l’accelerazione dei servizi al cittadino. Però tengo a precisare dati allo mano che nell’atto di prendersi le responsabilità ed  incidere positivamente sulla risoluzione delle problematiche contingenti, in primis  assumere e implementare la dotazione organica attraverso i concorsi pubblici vedi  categorie C e D che gli stessi non è che con un’audizione del Dirigente al ramo  trovano le soluzioni e si ripuliscono la coscienza.

C’è di più vado a memoria a fine anno tranne se non ricordo male solo il consigliere  Bongiovì era presente e ha votato favorevolmente. Gli altri 2 consiglieri la Zicari  assente e la Alongi quest’ultima presente solo a una seduta si è astenuta nelle  votazioni del rendiconto generale e del previsionale di giorno 28 e 30 dicembre.  Ricordo alle due “Bellissime” che in giunta c’è la presenza dell’Assessore Proto,  tranne che le stesse non la riconoscono. Proprio in questi atti finanziari si è discusso e si è votato l’aumento delle ore dell’ex  bacino dei contrattisti e sulla vicenda annosa dei 2 Asu. Vado oltre anche questo un dato riscontrabile dalle rispettive sedute , sui 24  consiglieri i presenti erano 13 ed appena 8 di maggioranza, come mai tutte queste  assenze, episodi certamente non casuali, ecco perché i cittadini devono essere  informati su chi in consiglio si assume le doverose responsabilità a differenza dei  paladini del giorno dopo. Cui prodest ? Chiedo pertanto agli autori della nota stampa se con questa operazione si vuole  buttare polverina magica e ingraziarsi i dipendenti del Comune di Agrigento. Azioni  a mio parere spicciole. Pertanto invito gli stessi colleghi e al consiglio tutto, ad essere più produttivi nella  sede deputata e nei momenti focali dell’attività consiliare ad essere presenti e a ​ perorare la giusta causa della penuria della dotazione organica ma con spirito  costruttivo e coerente e non a tempo scaduto mettersi bandierine e medagliette al  petto, lo ritengo e dispiace dirlo un modo inconcludente e demagogico che svilisce il  loro ruolo politico.”