Guasti alle condotte: 12 Comuni senz’acqua

AGRIGENTO. Due guasti alle condotte idriche lasciano “a secco” un terzo della provincia di Agrigento. Sono infatti ben 12 i Comuni interessati dalla nuova emergenza idrica causata dall’interruzione dell’esercizio dell’acquedotto “Favara di Burgio” e del nodo di Aragona.

Lo ha reso noto, ieri, la gestione commissariale del servizio idrico integrato Ati Ag9. La società di sovrambito, Siciliacque, ha informato che, a partire dalle 9 di domani 18 novembre interromperà l’esercizio dell’acquedotto “Favara di Burgio” per eseguire dei lavori di manutenzione lungo la condotta di adduzione. Pertanto sarà interrotta la fornitura idrica nei comuni di: Agrigento; Cattolica Eraclea; Licata serbatoi “Sant’Angelo” (ad eccezione delle utenze sensibili dell’Ospedale e Fontanelle Pubbliche di Via Palma); Montallegro; Siculiana; Realmonte; Ribera (frazioni di Borgo Bonsignore e Seccagrande) e Porto Empedocle. Consequenzialmente, le turnazioni idriche in programma nei comuni interessati, nelle giornate del 18 e del 19 novembre potrebbero subire limitazioni.

Inoltre, sempre domani, a partire dalle 8 sarà interrotta l’alimentazione al partitore idrico di Aragona.

Pertanto, la fornitura idrica nei comuni alimentati dal suddetto partitore, nello specifico: Agrigento (Zona industriale, San Michele, Fontanelle, Unità d’Italia); Aragona; Comitini; Porto Empedocle; Favara e le poche utenze del Voltano, sarà ridotta rispetto agli attuali valori.

Consequenzialmente, le turnazioni idriche in programma per i giorni 18 e 19 novembre, in questi comuni, potranno subire slittamenti.

“Ripristinata la regolare fornitura idrica – spiega la gestione commissariale ex Girgenti acque – la distribuzione tornerà regolare, normalizzandosi nel rispetto dei necessari tempi tecnici”.

A subire la pesante crisi idrica sarà, in modo particolare la città di Agrigento che per due giorni non vedrà affluire una sola goccia d’acqua nei serbatoi comunali, con la conseguenza che le turnazioni potrebbero slittare di almeno 7 giorni.

Intanto gli operatori della società idrica sono al lavoro per un intervento di manutenzione lungo l’acquedotto in contrada Carboj, nel Comune di Sciacca. Per permettere l’esecuzione della riparazione è stato necessario disattivare l’impianto di sollevamento a servizio dei pozzi Carboj. Consequenzialmente, la turnazione prevista dal serbatoio “Muri di Vega”, ha subito uno slittamento. Inoltre, ieri è slittato il turno denominato “contrada Piana, contrada Raganella” (zona 9) che è stato rinviato ad oggi.

La distribuzione con l’acquedotto che transita da contrada Carboy, tornerà regolare non appena saranno ultimate le dovute operazioni di manutenzione.