Gli studenti del “Leonardo” a Procida, Capitale italiana della Cultura 

Gli studenti delle quinte classi del liceo “Leonardo” a Procida, Capitale italiana della Cultura, accolti dal vicesindaco Titta Lubrano e dal consigliere comunale Luigi Primato, per “uno scambio culturale tra un territorio che è riuscito ad affermarsi con una progettualità che l’ha portato a diventare Capitale italiana della Cultura – afferma Patrizia Pilato – e un territorio, come quello agrigentino, che ci ha già tentato e si approccia a ripetere l’esperienza. Un’occasione privilegiata che ha portato a Procida il patrimonio del nostro territorio”. Gli studenti, infatti, hanno donato pubblicazioni sulla Valle dei Templi e il patrimonio dell’Unesco, testi e pubblicazioni dedicati a Leonardo Sciascia e a Luigi Pirandello. Titta Lubrano e Luigi Primario ci hanno raccontato come sono pervenuti alla progettualità che ha portato alla candidatura, come siano riusciti a divenire Capitale italiana della Cultura e cos’è Procida per il 2022: una realtà isolana che, come ci hanno detto ‘ha intessuto dei fili di luce’ in una trama che racconta innovazione, sviluppo e rilancio del territorio. Tra l’altro, Procida è uno dei luoghi preferiti di Elsa Morante. È lì che la scrittrice scrisse L’isola di Arturo, uno dei suoi testi più famosi. La nostra presenza è servita a creare il fil rouge tra il patrimonio Unesco, Pirandello, Sciascia ed Elsa Morante. Abbiamo respirato cultura”. Il “Leonardo” è il primo istituto di Agrigento che ha chiesto di visitare Procida.