Da Bagheria ad Agrigento con il suo carretto siciliano: la storia di Nino Buttitta

E’ una storia originale quella di Nino Buttitta, ristoratore di Bagheria con tante passioni e tra queste c’è quella per il carretto siciliano e i cavalli, con i quali intraprende lunghi viaggi di escursione nell’isola. Sostenuto da questo amore per le tradizioni, percorre chilometri e chilometri seduto sul carretto di famiglia. L’ultima impresa lo ha visto impegnato in un viaggio partito da Bagheria per arrivare ad Agrigento, attraversando Vicari, Santo Stefano Quisquina, Eremo Santa Rosalia, Sant’Angelo Muxaro. Faticosa ed impegnativa la missione da compiere nel raggiungere la meta finale, ma viene ricompensato da enormi soddisfazioni personali e dall’affetto che durante il suo lungo viaggio, le persone del luogo gli mostrano. Nino Buttita, 43 anni, è partito la mattina dello scorso 5 maggio per arrivare , ieri pomeriggio, domenica 8, nella Valle dei Templi. Ad attenderlo tanti amici, legati alle tradizioni popolari, tra questi, Biagio Licata, presidente dell’associazione “I Tammura di Girgenti” e Salvatore Cacciatore di Joppolo Giancaxio, storico possessore di carretto siciliano. L’idea dei viaggi a bordo del carretto siciliano nasce nel 2020, durante la pandemia: costretto a tenere abbassate le saracinesche del locale ha trovato un modo per scaricare lo stress, la tensione, le paure.