Giornalisti: 8 mesi senza condizionale a direttore, assolto autore

Il giornalista professionista Giulio Ambrosetti, nella qualita’ di “responsabile” del sito di informazione ‘Linksicilia’, e’ stato condannato dal giudice onorario del tribunale di Agrigento, Katia La Barbera, a otto mesi, senza la sospensione condizionale della pena, per diffamazione nei confronti degli imprenditori specializzati nel settore delle discariche, Giuseppe e Lorenzo Catanzaro. Assolto invece, “per non avere commesso il fatto”, l’ex sindaco di Racalmuto  Salvatore Petrotto, autore delle dichiarazioni riportate negli articoli pubblicati – tra ottobre e novembre 2013 – dalla testata online e firmatario in prima persona di uno dei pezzi incriminati. Ambrosetti, assistito dall’avvocato Stefano Giordano, dovra’ anche risarcire il danno alla parte civile, Lorenzo Catanzaro, assistito dall’avvocato Vincenzo Maria Giacona, mentre l’altra “persona offesa”, il fratello Giuseppe Catanzaro, aveva seguito il processo attraverso l’avvocato Roberto Mangano, ma senza costituirsi.(AGI)