Il giocatore Sepe e l’esperto Arnuzzo tra gli ospiti di Osservatorio Sportivo

Osservatorio Sportivo torna questa sera venerdì 24 alle 21, su Teleacras, ch 88 del digitale terrestre-

In studio Antonio Sepe e Gianluca Arnuzzo.

GIUSY SCHILLACI

Nuova puntata di Osservatorio Sportivo, la terza dall’inizio della nuova stagione, su Teleacras. Al centro, sempre lo sport agrigentino e dintorni, allargando gli orizzonti anche alle realtà sportive regionali con collegamenti ed interventi. La formula è la stessa, ma cambiano gli ospiti.

Ad arricchire lo studio di Osservatorio Sportivo, sotto la conduzione di Domenico Vecchio e il supporto di Cetty Nicoletti, oltre l’ opinionista Filippo Sferlazza e l’immancabile tifoso Maurizio Gelo, questa volta anche Gianluca Arnuzzo, consulente del mercato, agente FIFA ed esperto Lega Pro direttamente da Milano e poi il giocatore dell’Akragas Antonio Sepe, uruguaiano di origini italiane.

Ad inizio puntata si è fatto un po’ il punto sulla contestata rete del Catanzaro arrivata dopo un presunto fallo ai danni del portiere Pane che in quella circostanza ha preso un’ammonizione che gli costerà la squalifica di tre giornate.

Sepe, commentando il fatto, ha sottolineato che era un fallo da fischiare e che ci è costato la partita di tre punti. L’arbitro, secondo lui,  non è andato neppure dal guardalinee nonostante fosse stato chiamato diverse volte. Però, nonostante tutto, Sepe è convinto che questi episodi incoraggino la squadra a fare sempre meglio e a restare unita e più forte.

Purtroppo- ha dichiarato il giocatore- abbiamo provato a giocare bene ma, nel secondo tempo, abbiamo avvertito una certa pressione e siamo stati costretti “ad abbassarci” nel modo di giocare.

Anche secondo l’esperto Arnuzzo, l’Akragas ha iniziato molto bene la prima fase di gioco.

Lasciando poi un pò da parte l’amarezza per la scorsa partita, Domenico Vecchio ha puntato anche i riflettori sul “caso Tirri” e la notizia che lascia l’Akragas. 

“Ho idea che sia un passo indietro temporaneo- ha sostenuto Arnuzzo- per lasciare spazio ad una situazione societaria che va delineata e si deve in qualche modo risolvere. Dunque, un passo indietro che lo rende responsabile nei confronti di una società importante. A marzo- ha proseguito- ci sarà un nuovo CDA ed occorre trovare qualcuno disponibile a fare l’Amministratore Delegato dell’Akragas”. In pratica Arnuzzo, vede il passo indietro di Tirri come “un modo per permettere, a chi non lo vuole, di entrare”.

Sepe preferisce invece, a nome anche dei compagni di squadra, lasciare fuori le notizie della società e tutti i movimenti cercando di concentrarsi sulle partite. Ne è  la testimonianza la partita contro il Catania, dove, come dichiarato dallo stesso Sepe “si è fatto bene perchè i giocatori erano sereni, tranquilli, convinti e sicuri di vincere e dovrebbe essere sempre così”.

A proposito di giocatori, durante la trasmissione si è avuto modo anche di parlare di Danijel Klaric  . Il suo compagno Sepe lo ha descritto come un bravo giocatore che si allena molto e che si è insediato molto bene all’interno della squadra. Sulla stessa linea d’onda Arnuzzo che ha confermato il suo positivo insediamento ma ha ricordato anche che è stata dura convincerlo a venire in Italia e ad Agrigento. Un’opera di convincimento alla quale è riuscito bene proprio Tirri  e così Klaric è arrivato il giorno prima della partita di esordio.

Nel corso della puntata Cetty Nicoletti ha colto l’occasione per fare una domanda al bel giocatore chiedendogli se avesse trovato difficoltà tra Eccellenza e Lega Pro. Sepe: ” Tante difficoltà, livello calcistico su tutte. Però la mentalità del calcio è sempre quella”.

Arnuzzo, parlando da esperto, non ha mancato di esprimere il suo pensiero in merito ad una vera prima punta all’interno dell’Akragas. “Ciò- ha apertamente detto- potrà rendere molto di più e farebbe piacere anche al Mister”. Ha considerato altresì Sepe come uno dei pilastri della squadra. Come consulente del mercato, ha reso noto che ha fatto delle proposte allettanti alla società biancazzurra. Si parla di Balint Bajner, prestante attaccante ungherese alto 1,97 che è stato a Modena. L’altro nome è Dario Tanda, giovane centrocampista italiano pure lui molto in gamba e scattante in campo.

Proposte fatte, ma chissà su chi cadrà la scelta e quali iniziative intraprenderà l’Akragas per arricchire professionalmente la società.

Appuntamento con Osservatorio Sportivo questa sera Venerdi 24 febbraio ore 21 e domani sabato alle 12 e alle 23 su Teleacras. Il programma può essere visto anche sul sito dell’emittente e sul canale youtube. 



In questo articolo: