Furto per necessità. Nuccia Palermo: Indignata per il silenzio di visi pasciuti che chiedono consenso

Non potevo rimanere in silenzio dinnanzi alla notizia di una donna costretta a rubare per necessità un pacco di pannolini e due fette di carne. Penso che la politica debba risposte e vicinanza ad un territorio sempre più maltrattato e messo in ginocchio, la cui gente soffre a causa di una cattiva gestione della cosa pubblica”

Queste le parole del consigliere comunale indipendente, Nuccia Palermo, che comunica di avere appena protocollato una richiesta ufficiale di audizione in commissione permanente III dell’Assessore alle politiche sociali, Gerlando Riolo, al fine di capire quale indirizzo politico questa amministrazione ha messo in cantiere per fronteggiare seriamente le disparità economiche e sociali del nostro territorio e in che modo collabora con le associazioni di volontariato che tanto già fanno a proprie spese.

In periodo di campagna elettorale – sostiene Nuccia Palermo – il silenzio di molti sul grave fatto che purtroppo non sembra essere isolato diviene assordante per chi crede in quel ruolo di servizio che fino a prova contraria dovrebbe essere il fine principale di chi fa politica. Vedere una campagna elettorale che non approfondisce le tematiche cruciali di un territorio affamato mentre con visi pasciuti si chiede il consenso alla popolazione credo sia la più grande sconfitta per la politica tutta“.

“Anticipo che dopo aver sentito, in sede di commissione, l’amministrazione attiva sulle problematiche sociali della nostra città – conclude Nuccia Palermo – insieme al Presidente Daniela Catalano, che telefonicamente si è già resa disponibile a trattare unitamente ai colleghi della conferenza capigruppo la gravosa tematica, cercheremo di sederci con l’assessore di riferimento o la giunta tutta al fine di verificare quanto fatto finora e ancor più importante quanto in programma”.

Il Consigliere Comunale

Nuccia Palermo