Fuga dall’Università di Agrigento: trecento studenti in meno in 10 anni

AGRIGENTO. E’ “fuga” dal Consorzio universitario agrigentino. Calano le iscrizioni visto che il Polo è rimasto quasi senza corsi accademici.

Ma il trend negativo si evince dall’analisi dei dati  ricavabili dall’anagrafe studentesca del Ministero per l’istruzione e l’università e la ricerca.

Il report è stato pubblicato oggi dal giornale La Sicilia

“Tra l’anno accademico 2006 e quello 2016 – si legge sul quotidiano –  complessivamente, si sono immatricolati nelle università sia pubbliche che parificate 300 persone in meno tra quelle residenti ad Agrigento. Se 10 anni fa gli immatricolati, quindi gli iscritti per il primo anno, erano stati 2.648, lo scorso anno accademico si è chiuso a quota 2.348. I dati sono ancora più evidenti se guardiamo al complessivo degli iscritti all’università intesi nella loro totalità: nel 2006 erano 9.836 contro i soli 7.713 che risultano iscritti nel 2016. La stragrande maggioranza sono ovviamente tutti agrigentini che frequentavano i corsi palermitani. Se in termini di immatricolazioni si è passati dai 1595 del 2006/2007 ai 795 del 2016/2017, in termini di iscritti il calo è stato di oltre 2100 unità: da 9.836 a 7.713. Una vera e propria emorragia”.

In crescita, invece, sono università più vicine ad Agrigento, come ad esempio Kore, che ha visto aumentare gli iscritti dai 60 de 2006 ai 795 del 2016. Proprio con l’università ennese il Cua sembra interessato a stringere accordi per il futuro, che agevolano però soprattutto Kore, la quale intercetterebbe direttamente “alla fonte” uno dei flussi di iscritti più importanti.