Final Eight Supercoppa LNP. La Fortitudo ritrova Cividale

È già tempo di Final Eight per la Fortitudo Agrigento. I biancazzurri, partiti oggi alla volta di Lignano Sabbiadoro, venerdì faranno il loro debutto nell’evento clou della preseason che assegna il primo trofeo stagionale, la Supercoppa LNP. Ai quarti di finale (palla a due alle 21), Chiarastella e compagni ritrovano la UEB Gesteco Cividale compagine già affrontata nei quarti di Coppa Italia della scorsa stagione. In quell’occasione, gli uomini di coach Catalani si imposero 69 a 64 al termine di una gara combattutissima. Ci sono i presupposti per un confronto molto interessante tra due squadre competitive. Agrigento, alla seconda qualificazione consecutiva alle Final Eight di Supercoppa (lo scorso anno dovette rinunciarvi causa positività al Covid di un giocatore), ha vinto in scioltezza il girone E contro Torrenova, Ragusa e Salerno e porta con sé la tranquillità di chi giocherà senza pressione. In estate il roster è stato parzialmente rinnovato con gli innesti di Nicolas Morici, Santiago Bruno e Andrea Lo Biondo. L’assetto della squadra ha assunto una fisionomia più operaia e meno spavalda, circostanza che, comunque, non ha intaccato la qualità di un gruppo che può sempre contare sulla leadership del capitano Albano Chiarastella, sulla classe di Alessandro Grande e sul potenziale in crescita di Cosimo Costi. In tale ottica, le partite di Supercoppa della scorsa settimana hanno già fatto intravedere un buon potenziale. Sul versante opposto, le aquile friulane si sono imposte nel girone F contro Jesolo, San Vendemiano e Vicenza e si presentano agguerrite. La guida tecnica, anche quest’anno, è affidata a Stefano Pillastrini, coach di grande esperienza, mentre per quanto riguarda il roster – allo zoccolo duro della passata stagione rappresentato da Eugenio Rota, Adrian Chiera, Gabriele Miani e Leonardo Battistini – si sono aggiunti innesti di spessore come Alessandro Paesano, Simone Rocchi e Stefano Laudoni.