Festa della Musica: russi, tedeschi e siciliani ai piedi del Tempio di Giunone ad Agrigento. 21 giugno

Studenti e docenti italiani, russi e tedeschi, per un unico, enorme “abbraccio” musicale alla Valle dei Templi. Sarà la Festa europea della Musica ad aprire – venerdì prossimo alle 21UN’ESTATE MITICA, il nuovo cartellone di eventi che animerà il sito archeologico fino a settembre. Costruita con il supporto di CoopCulture, la rassegna si srotolerà tra musica, visite dedicate, mostre, spettacoli, reading, con il ritorno delle attesissime ALBE TEATRALIZZATE, dal 14 luglio.

 

Il via sarà dato venerdì – nel giorno del solstizio d’estate in cui tutta Europa, contemporaneamente, celebra la Musica – da un concerto promosso dall’Istituto Toscanini di Ribera, di fronte al Tempio di Giunone. E’ un evento speciale che il MIUR ha promosso in maniera particolare, scegliendolo con pochi altri tra i diecimila concerti che coinvolgono 45 mila artisti, in 630 città, lungo tutto la penisola.

Il concerto fa parte del progetto internazionale di ricerca  “NUOVE MUSICHE”  finanziato dall’Erasmus in collaborazione con il  Conservatorio di Stato “Glazunov” di Petrozavodsk (Federazione Russa), la Musìkschule di  Regensburg (Germania), la Città di Agrigento e CoopCulture. Si esibiranno studenti e docenti italiani, russi e tedeschi delle istituzioni partner, raccolti nel Toscanini/Glazunov Brass and percussioni Ensemble, diretto da Roberto Basile. Saranno eseguite in prima esecuzione italiana musiche commissionate per l’occasione, già particolarmente apprezzate dal pubblico del Conservatorio russo di Petrozavodsk. Brani che vanno dalla tradizione classica al contemporaneo, dal jazz alla musica etnica,  pezzi di  Aaron Copland, Raffaele Marsicano,  Gianfranco Gioia,  Simone Piraino,  Alberto Maniaci,   Giacomo Tantilloe  Sergio Calì. Chiuderà il concerto, un omaggio a George Gershwin,  con la famosa “Rhapsody in Blue” interpretata da Salvatore Gaglio in una versione inedita per pianoforte, ottoni  e percussioni arrangiata da Jean-Francois Taillard. Adesione gratuita al concerto, tramite prenotazione obbligatoria sul sito www.coopculture.it, fino a 500 partecipanti.

 

UN’ESTATE MITICA continuerà poi domenica (23 giugno), al tramonto, con un esperimento particolare: Mindyourmuseum, una lezione condotta da un maestro di yoga, nel chiostro del Griffo. Per conciliare la cura del corpo, la voglia di leggerezza, la riscoperta di sé, con un luogo che avvia un dialogo con la Storia. Si potranno scoprire, anche se si è alla prima esperienza, le pratiche HATHAYOGA che affrontano l’aspetto fisico e corporale con le asana, le posizioni ideali per il benessere fisico ed il raggiungimento dell’equilibrio interiore

 

Se poi la stessa sera si vuole continuare la propria esperienza, si potrà tornare in Valle per assistere (alle 21) alla “Medea” di Euripide, regia di Marco Savatteri, spettacolo già applaudito un mese fa al XXV Festival internazionale del Teatro Classico dei giovani, a Palazzolo Acreide. Una rilettura moderna del dissidio ancestrale tra nomos e fusis, legge di stato e legge di natura. Medea ed i suoi fantasmi prenderanno vita, tra teli bianchi, ricordi, riflessioni, tecniche teatrali e multimediali contemporanee.

 

Ø  LO SPETTACOLO DELL’ALBA. E QUELLO DEL TRAMONTO

Due domeniche di luglio (14 e 28), le quattro di agosto (4, 11, 18 e 25) e la prima di settembre: ritornano le attese ALBE ALLA VALLE DEI TEMPLI. Gli spettatori saranno accolti da dei, eroi, eroine e diverse figure mitologiche, statue che si animeranno, tra rievocazioni di arcaici rituali, corse danzate, dispetti, litanie e versi tratti da opere di celebri autori dell’antichità, proposti dai giovani artisti della Casa del Musical guidati da Marco Savatteri, miscelati al racconto di guide esperte ed archeologi. Una drammaturgia intensa e un percorso spettacolarizzato che avrà come sfondo i templi illuminati dalla luce del sole che nasce. Sempre dal 14 luglio, sarà anche possibile entrare nella Valle dei Templi al tramonto e fare il percorso inverso, ovvero immergersi pian piano nella notte che avanza. Ogni giorno fino al 15 settembre (in italiano e in inglese) si potrà seguire la guida, lungo un percorso tracciato da una collana luminosa che ogni visitatore porterà al collo. Per scoprire che i templi non dormono mai, anzi saranno animati da satiri, menadi, eroi, eroine e cortei di divinità che sembreranno quasi sbucare dalla penombra delle rovine archeologiche.

Per i biglietti, contattare il call center (0922/1839996) o acquistarli on line sul sito www.parcodeitempli.it e www.coopculture.it e in biglietteria.

 

Ø  LE VISITE. Ognuno potrà scegliere la propria. Le visite classiche alla scoperta della Valle saranno ogni primo weekend del mese, in concomitanza con le aperture domenicali gratuite. Oppure si potrà scegliere un percorso sintetico, un Bignami dei principali monumenti, ad agosto. Se siete interessati alle imponenti macchine edili in scala 1:1 che punteggiano la Valle, allora bisogna visitare la mostra “Costruire per gli dei. Il cantiere nel mondo classico”. Un archeologo accompagnerà, dal 14 luglio al 15 settembre, alle 11 e alle 16, tra possenti macchinari, utensili, impalcature, sistemi di traino, di ancoraggio, trasporto e molto altro ancora, per comprendere i metodi di costruzione degli antichi greci. Volete scoprire invece le collezioni del museo archeologico Griffo, perdervi tra eroi e battaglie, amori e prodigi? Dall’1 al 31 luglio, ogni sabato alle 18. Chi preferisce passeggiare al tramonto potrà farlo ogni lunedì di agosto. Chi invece vuole tentare un’esperienza particolare come la visita agli ipogei, avrà a disposizione il primo weekend di luglio (6 e 7 luglio), poi ogni giorno dal 14 luglio al 15 settembre visite (sia in inglese che in italiano). Ogni visita – con costi diversi, orari e giorni da controllare – si acquista tramite call center (0922.1839996) oppure on line sul sito www.parcodeitempli.it e www.coopculture.it e in biglietteria.