Emergenza incendi: la Prefettura di Agrigento convoca un vertice

Un’azione più incisiva di coordinamento tra tutte le componenti coinvolte nel sistema di intervento. E’ la priorità emersa durante l’incontro, svoltosi ieri nella sala briefing del Comando dei Vigili del Fuoco di Agrigento, sul tema degli incendi boschivi con l’obiettivo di agire maggiormente in sinergia sia nella fase dello spegnimento, sia in quella della prevenzione. Tutto ciò, accompagnato da un controllo del territorio con l’aiuto delle Forze dell’Ordine e delle Amministrazioni comunali. Ma la riunione presieduta dal Vice Prefetto Carmelina Guarneri, ha posto l’attenzione anche sulla sicurezza del litorale e le “ondate di calore”. Per questo, oltre al Comandante dei Vigili del Fuoco di Agrigento Michele Burgio, del responsabile della Protezione Civile Provinciale Maurizio Costa, dei rappresentanti dei vari uffici e di forze dell’ordine, era presente anche il comandante della Capitaneria di Porto di Porto Empedocle Filippo Maria Parisi.

Vigili del Fuoco Centrale Operativa copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy“Scopo della riunione  – ha sottolineato la Guarneri – la prevenzione e l’importanza del costante raccordo tra il Servizio Regionale di Protezione Civile, i Comuni, il Corpo Forestale e le forze dell’Ordine, ma anche, l’ANAS e Ferrovie dello Stato e Libero Consorzio, per pulire e controllare le aree più sensibili e per la individuazione dei siti a rischio”. Le Amministrazioni comunali, qualora non l’avessero ancora fatto, sono state invitate ad effettuare il discerbamento ed evitare accumuli di rifiuti che poi diventano pericolosi perché potrebbero costituire eventuali inneschi.

L’idea presa in considerazione è stata anche quella di effettuare dei sopralluoghi congiunti, finalizzati alla individuazione di  alcuni punti critici, anche per garantire che i mezzi in intervento, come le autobotti dei Vigili del Fuoco, possano svolgere un adeguato lavoro senza incorrere in ostacoli in caso di incendio. La Guarneri ha inoltre invitato i Comuni a prendere coscienza del fenomeno, portando avanti, dove necessario, azioni di prevenzione ed informazione per i cittadini. Tutti gli organi competenti quindi, dovranno provvedere a farsi carico di effettuare operazioni periodiche di decespugliamento eliminando materiale combustibile, in particolar modo nei punti sensibili.

Nel corso dell’incontro è stata richiamata la particolare attenzione dei Sindaci – quali autorità locali di protezione civile- perché adottino, per tempo, le ordinanze, rivolte alla popolazione, di pulizia e di rimozione delle erbacce dai giardini e dalle campagne e di realizzazione di vialetti parafuoco, nonché l’obbligo dell’aggiornamento del catasto incendi.

Alla riunione, coordinata dal Vice Prefetto Vicario, hanno preso parte, oltre alle Forze dell’Ordine e al  Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, i rappresentanti dei Comuni, del Libero Consorzio Comunale, della Sovraintendenza BB.CC., dell’Ispettorato ripartimentale delle Foreste, dell’Azienda Foreste, della Protezione civile comunale, nonché dei comandanti della polizie locali e della neo assessore al comune di Agrigento Gabriella Battaglia.