Elezioni regionali, Giovanni Di Caro sottoscrive l’appello dei vescovi siciliani: “Sempre al fianco degli ultimi”

“Condivido e sottoscrivo l’appello lanciato dai vescovi siciliani al futuro governo della Regione, l’invito della conferenza episcopale ad occuparsi degli ultimi è parte integrante delle politiche sociali che sono al centro del programma che il Movimento Cinque Stelle propone agli elettori. Il reddito di cittadinanza, tanto odiato dai giurassici competitor del centro destra, attualmente permette a 650 mila famiglie siciliane di avere un sostegno economico. La crisi energetica, senza gli adeguati provvedimenti, nei prossimi mesi costringerà migliaia di imprese a chiudere e per scongiurare questo, noi del Movimento Cinque Stelle proponiamo il reddito energetico in favore delle famiglie delle imprese e dell’ambiente”. Così il  candidato all’Ars e deputato uscente del Movimento Cinque Stelle, Giovanni Di Caro commenta l’appello dei vescovi siciliani che esortano anche i partiti a dare spazio ai giovani evitando che questi, scelgano di emigrare.

“In linea con quanto chiesto dalla Cei di Sicilia– dichiara Di Caro – sono stato primo firmatario di un ddl contro lo spopolamento, l’atto normativo che abbiamo depositato nel febbraio del 2020 e che è rimasto nei cassetti di un governo miope e sordo, prevedeva varie iniziative come la formazione e la riqualificazione professionale, le agevolazioni per costruire e ristrutturare alloggi, contributi per la creazione di attività produttive, assegni di studio per i figli degli emigrati, riscatti pensionistici, iniziative culturali e sociali”. In assenza di riscontri ci siamo rimboccati le maniche e grazie al taglio di parte dei nostri indennizzi da parlamentari – aggiunge Giovanni Di Caro – abbiamo creato delle borse di studio che abbiamo donato agli studenti proprio per incentivarli a restare nei propri territori. I giovani sono il nostro futuro e noi ci crediamo” – conclude Di Caro.