Due agrigentini truffati con carte di credito. In un caso è stata clonata

Due casi di truffa ad Agrigento. Ed entrambi con carte di credito, una delle quali, sarebbe stata clonata.  Nel primo episodio un sessantenne agrigentino ha denunciato di aver ricevuto, nei giorni scorsi, una telefonata da un sedicente promotore finanziario, che ha cercato di convincerlo a fare degli investimenti. Gli ha chiesto i codici per capire, che tipo di carta di credito aveva. Prontamente forniti dalla vittima, senza sospettare nulla.  E l’ignoto individuo, con quei codici, gli ha sottratto 180 euro. Non è finita qui.
L’agrigentino, poco dopo, ha visto l’ammanco, e perché aveva capito che era stato truffato, ha richiamato quel numero di telefono, chiedendo l’immediata restituzione del denaro. Il falso promotore ha chiesto nuovamente i codici della carta, dicendo che avrebbe restituito i soldi. Non solo non ha restituito le iniziali 180 euro, ma ha effettuato un secondo prelievo di 200 euro. L’uomo ha denunciato il fatto ai poliziotti della sezione Volanti della Questura di Agrigento. E alla polizia si è rivolta anche un’anziana, pure lei truffata. S’è vista sparire 55 euro dalla sua carta di credito, che sarebbe stata clonata.