Donna morta in ospedale, la procura apre inchiesta

La Procura della Repubblica di Agrigento ha aperto un’inchiesta, con l’ipotesi di omicidio colposo, per il momento a carico di ignoti, sulla morte della ragazza di 29 anni, rumena residente a Palma di Montechiaro, madre di figli piccola, deceduta giovedì scorso all’ospedale “San Giovanni di Dio”, i cui organi sono stati donati. L’indagine, coordinata dal pubblico ministero Sara Varazi, è stata avviata di ufficio.

Già svolta l’autopsia, nella camera mortuaria dell’ospedale di contrada “Consolida”, da parte il medico legale Giuseppe Ragazzi. Il marito, che ha dato il consenso per l’espianto degli organi, ha nominato come legali di fiducia gli avvocati Samantha Borsellino e Salvatore Lauricella.

La ragazza in gravidanza sarebbe arrivata in ospedale con una emorragia in corso. Le condizioni si sono aggravate fino a portarla alla morte cerebrale. La Procura vuole accertare se ci sono state responsabilità nell’operato dei medici.