Discarica di Siculiana chiusa : Ancora nessun sito alternativo

Discarica di Siculiana chiusa
Ancora nessuna notizia su un sito alternativo
E a Realmonte differenziata al 74 per cento
di Annamaria Martorana

Ancora nessuna notizia di un impianto dove i 25 comuni dell’agrigentino, potranno andare a conferire, a partire da domani mattina, dopo la chiusura della discarica di contrada Materano a Siculiana. Al momento, nessuna ordinanza appare sul sito del Dipartimento rifiuti, nessuna notizia arriva dalle amministrazioni comunali che hanno appreso della chiusura solo stamattina e l’incertezza è ormai la costante invariabile del comparto rifiuti in mezza provincia. Gli autocompattatori dunque, rischiano di restare pieni nei depositi delle imprese, anch’esse non avvertite della chiusura dell’impianto della Catanzaro, e per domani, a meno di novità dell’ultim’ora, la raccolta si fermerà. Ancora una volta. Ma c’è un Comune dell’agrigentino che non subirà la conseguenze della nuova chiusura della discarica di Siculiana, i cui cancelli rimarranno chiusi fino a quando la Catanzaro Costruzioni, che la gestisce, non ripristinerà la capacità produttiva dell’impianto mobile di stabilizzazione provvisorio che è arrivato al limite.
Si tratta di Realmonte che ormai da due mesi ha avviato e ormai mandato a regime la raccolta differenziata porta a porta.
Realmonte infatti, avendo raggiunto una percentuale di differenziata che si aggira intorno al 73,64 per cento, non avrà particolari problemi oggi e in futuro, laddove il balletto delle discariche dovesse continuare, così come accade ormai da anni.
“Non possiamo che essere soddisfatti di come stanno andando le cose- ha detto il sindaco di Realmonte Lillo Zicari – e ringrazio la mia comunità per gli sforzi che sta facendo per adeguarsi quanto più in fretta possibile alle nuove regole imposte dal porta a porta”. A Realmonte, il servizio gestito dalle ditte Iseda, Icos ed Ecoin è partito lo scorso mese di dicembre ed è ormai a regime. “I risultati di questi primi due mesi – commenta l’assessore all’ecologia Emanuele Fiorica – sono superiori alle nostre stesse aspettative. Le imprese stanno facendo un ottimo lavoro e i risultati si vedono. Non abbiamo saputo per tempo della chiusura della discarica ma grazie alla differenziata non avremo problemi. Per questo stiamo lavorando affinchè anche in estate, quando la popolazione di Realmonte arriva a 25 mila unità potremo affrontare qualsiasi emergenza”.
I dati della differenziata a Realmonte sono stati accolti favorevolmente anche dall’amministratore delegato di Iseda Giancarlo Alongi. “Siamo contenti – spiega – di essere riusciti ad applicare quanto abbiamo realizzato in Lombardia dove abbiamo altri appalti, anche sul nostro territorio. Realmonte, è la dimostrazione che il progetto Aro Vigata – scala dei Turchi, è un progetto serio e fattibile che non ha tardato a dare i giusti risultati”.



In questo articolo: