Coronavirus, contagiati in isolamento a casa: sono in miglioramento. Quarantena finita per sei carabinieri

“Da un giorno e mezzo la febbre è sparita, resta la tosse e il dolore al petto”. È un lieve miglioramento R.C., la 54enne di Agrigento che ha contratto il Coronavirus.
Alcuni giorni fa il personale di Asp ha sottoposto al tampone anche il marito.

Ed è in via di miglioramento anche il giovane agrigentino, indicato come il primo caso di Covid-19 ad Agrigento. Si sta curando in isolamento nella sua abitazione.
Condizioni discrete anche per il medico del reparto di Cardiologia dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento.

E quarantena finita per i 6 carabinieri della Tenenza di Favara, che si erano messi in isolamento, dopo che un loro collega era risultato positivo al Coronavirus. Si tratta di un maresciallo che fa servizio alla caserma della Stazione di Villaseta, e che è ancora ricoverato all’ospedale “Sant’Elia” di Caltanissetta, e le sue condizioni sono in via di miglioramento. I sei militari hanno ripreso a lavorare.