Comunali, viaggio dei candidati nei quartieri – VIDEO

Entra nel vivo la campagna elettorale in città. Formalizzate liste ed alleanze si lavora per l’inaugurazione dei comitati elettorali. I sei candidati a sindaco, tre donne e tre uomini, stanno limando gli ultimi dettagli e inserendo in agenda gli appuntamenti elettorali. Tra incontri nei quartieri e appuntamenti nei comitati, a meno di 22 giorni dal voto, la campagna elettorale delle prossime amministrative però sembra caratterizzata da molto poco. Ieri a Fontanelle il primo confronto pubblico.

Presenti Zambuto, Firetto, Catalano e Carlisi, a moderare il giornalista Claudio Spoto (Guarda il video). Se dovessimo comporre una nuvola di parole con ciò che è stato detto e scritto finora, ci accorgeremmo che alla scadenza a cui andiamo incontro ci approssimiamo con una leggerezza tale da non sembrare vera.

Va detto che il centrodestra ha faticato un po’ a serrare le file.

La candidatura di Catalano ha sicuramente scombussolato i programmi del candidato sindaco Marco Zambuto. A lungo sponsorizzato dai Fratelli d’Italia, l’ex sindaco, aveva sperato fino all’ultimo di essere il candidato del centrodestra unito, ed invece si trova adesso sostenuto da solo una parte dello schieramento, rappresentato da Forza Italia, Udc e Diventerà Bellissima del presidente regionale Nello Musumeci e della parlamentare Giusy Savarino.

Il sindaco uscente punta tutto sul civismo. Rispetto a cinque anni addietro non ha più il sostegno di Angelino Alfano che nel frattempo ha smesso di fare politica e di Roberto Di Mauro, che in rottura con l’attuale amministrazione era fuoriuscito dalla giunta in cui militava con delega alla polizia municipale (una delle più rappresentative) Franco Miccichè. Quest’ultimo adesso si trova candidato con il sostegno di 4 liste civiche, una di queste è proprio quella costruita dal vicepresidente vicario alla Regione Roberto Di Mauro. In corsa anche Angela Galvano che vuole attirare a sé quella parte di sinistra progressista, sostenuta da due liste civiche e Marcella Carlisi, candidata del Movimento 5 Stelle. I veri assenti dalla competizione sono PD ed Italia Viva. Entrambi non hanno presentato lista e simboli.