Come trovare lavoro ad Agrigento

La tradizione vinicola è uno dei capisaldi, dal punto di vista economico, della provincia di Agrigento, che conta nel complesso quasi 450mila abitanti, di cui poco meno di 60mila residenti nel capoluogo. Le origini di tale tradizione devono essere individuate ai tempi delle prime colonie greche; nonostante il trascorrere degli anni l’economia del settore ha proliferato, al punto che attualmente Agrigento è sul podio nazionale per questo tipo di produzione. Chi è in cerca di un lavoro, quindi, può prendere spunto da questo comparto.

Come usare App Lavoro

Usare app lavoro ad agrigento può essere un ottimo modo per aumentare le proprie probabilità di successo nella ricerca di un impiego. Questa preziosa risorsa, operativa su tutto il territorio nazionale, permette ai lavoratori di entrare a far parte di una classifica che può essere consultata dalle imprese. A determinare le posizioni in graduatoria sono le recensioni che ciascun lavoratore riceve dai colleghi, dagli ex colleghi e dai datori di lavoro per cui si è lavorato in precedenza: il tutto avviene in modalità gratuita e all’insegna della massima trasparenza.

Il mercato del lavoro da Agrigento

Come avviene nella maggior parte della Sicilia, anche ad Agrigento le opportunità occupazionali sono piuttosto limitate: basti pensare che nel capoluogo il tasso di disoccupazione sfiora il 28%. Ma quali sono le figure professionali più ricercate? Tra le altre, vale la pena di menzionare gli impiegati alle funzioni di segreteria e i professionisti qualificati nella grande distribuzione organizzata, come i vetrinisti, gli store manager e i capi reparto. Sono richiesti, poi, gli operai generici e i professionisti che hanno competenze tecniche in attività commerciali, finanziarie o amministrative, tra cui i segretari di direzione.

Quali lavori si possono trovare ad Agrigento

Proseguendo nella rassegna di figure professionali ricercate in provincia occorre menzionare i badanti, gli impiegati addetti all’assistenza clienti, gli artigiani, gli impiegati addetti ai movimenti di denaro, i conduttori di veicoli e coloro che svolgono professioni non qualificate nei servizi e nel commercio: per esempio gli scaffalisti, ma anche i fattorini, i corrieri, i magazzinieri, i commessi, e così via. I conduttori di macchinari di sollevamento e mobili e i professionisti qualificati nei servizi di comunicazione ed editoria sono, a loro volta, ricercati: ci sono buone opportunità, dunque, per i correttori di bozze, gli addetti stampa e i giornalisti.

L’offerta e la domanda

La domanda è interessante anche per gli assicuratori, per gli insegnanti, per gli operatori ecologici, per le guardie giurate, per gli agenti di commercio, per gli infermieri professionali, per i baby sitter, per gli operatori socio sanitari, per gli operai specializzati in elettronica e metalmeccanica e per i professionisti tecnici in ambito produttivo, in ambito ingegneristico e in ambito scientifico. I centri per l’impiego a cui fare riferimento sono quello di piazza Savatteri Castelli ad Agrigento, quello di via Scaldamosche a Bivona, quello di via Matteotti a Casteltermini e quello di via Mandorlo a Menfi.

A quali aziende rivolgersi per cercare lavoro

Ma quali sono i datori di lavoro su cui puntare per sperare di trovare delle occasioni di impiego interessanti? Per chi si occupa di grafica e di pubblicità il marchio di riferimento è Niven Design, mentre nel settore dei tendaggi, dei tessuti e dell’arredamento si può puntare su Rifatto dal 1946. Ancora, Impackettati è leader per la cancelleria, la cartotecnica e le forniture per aziende, mentre chi aspira a lavorare in una web agency può contattare Emmè Pubblicità, che si occupa anche di grafica. Nel settore alimentare e agricolo, infine, ci si può rivolgere alle aziende agricole Bono Paolo e Caruso.