Cimitero di piano Gatta, il Comune attiva unità di crisi

Tutelare i cittadini, garantire un servizio pubblico e degna sepoltura. In merito alla questione del Cimitero di Piano Gatta, con tante salme a deposito in attesa di assegnazione dei relativi loculi, l’amministrazione comunale ha deciso di istituire l’Unità di Crisi .

A renderlo noto è stata la presidente del Consiglio Comunale Daniela Catalano a seguito dell’incontro tenutosi stamane presso l’ufficio di Presidenza – alla presenza dei Capi Gruppo (Vitellaro, Licata, Carlisi, Monella e Vaccarello) di diversi Consiglieri (Urso, Bruccoleri, Fantauzzo, Alfano, Gibilaro, Vullo) nonché del Sindaco, degli assessori Amato e Riolo, dei tecnici comunali, al fine di chiarire aspetti tecnico giuridici della vicenda del Cimitero di Piano Gatta, tutti gli amministratori (Giunta e Consiglieri) presenti hanno deciso di istituire una Unità di crisi che, nei prossimi giorni, anche alla luce della scadenza dei termini dell’ultima contestazione del Comune al concessionario, valutera’ le misure da porre in essere per la soluzione della triste ed incresciosa vicenda che oggi priva del diritto ad una degna sepoltura numerosi concittadini.

La vicenda vede scontrarsi Municipio e ditta che gestisce il cimitero da oltre 14 anni. Da una parte l’ente pubblico che ritiene che la ditta non ha i requisiti necessari per la gestione, dall’altra i titolari dell’impresa che invece, essendo all’interno della struttura da tanti anni, vogliono far valere il diritto di continuare a gestire la struttura.