Cianciana: prima Sagra del raccolto dei grani antichi, cereali e legumi

Dal 27 al 31 luglio prossimi, al comune di Cianciana è in programma la prima edizione della Sagra del raccolto dei grani antichi, dei cereali e dei legumi.

“Non sarà una semplice Sagra – dice il coordinatore organizzativo Pino D’Angelo di Confimpresa – ma l’occasione per fare incontrare le imprese e le istituzioni e la comunità scientifica. Il progetto è molto ampio e candida Cianciana a capitale non solo della Sicilia per quel che riguarda i grani antichi. A fine evento, racconteremo i dettagli dell’intera operazione che cambierà per sempre i connotati di questo territorio”.

Importante sarà l’appuntamento del 29 luglio allorché si svolgerà il workshop “ImpresaVola” (alle ore 17). Si tratta di un evento che avrà per protagonisti le imprese che avranno la possibilità di confrontarsi con una platea di operatori e con professionisti nel campo del business, della consulenza e del marketing. Un appuntamento per chi intende fare impresa e, soprattutto, per chi ha bisogno di risorse per finanziare la propria attività. E’ l’occasione per creare un vero business e sfruttare le opportunità offerte da Fondo Garanzia Ismea, Fondo di Garanzia mediocredito e Fondo di garanzia Medio credito centrale. Interverranno tra gli altri, il presidente di Confimpresa-

Euromed, Alessio Lattica, il presidente dell’Ordine degli agronomi, Maria Giovanna Mangione, Piero Loo Nigro dell’Ordine nazionale degli agronomi, Guido Bissanti di ReteConfimpresa, Giuseppe Foti, presidente della Banca Sicana e lo stesso Pino D’Angelo.

“Per Cianciana – dice il sindaco Francesco Martorana – è un evento tra gli eventi. Stiamo lavorando affinché i nostri giovani non vadano più fuori, il nostro obiettivo è quello di creare le opportunità affinché rimangano nella loro terra”.

“Il nostro obiettivo è di quelli ambiziosi – dice l’assessore Liborio Curaba – proprio per questo motivo puntiamo molto su questa Sagra che non rimarrà un appuntamento a se stante”.

“I grani antichi e, i legumi in generale – dice l’assessore Francesco Alfano – possono e devono rappresentare il tesoro per tutto il comprensorio. Fermare l’emorragia dell’emigrazione di massa è anche un nostro compito. Con l’aiuto di esperti del settore possiamo andare molto lontano”.