Campobello, Insegnante di religione muore a 57 anni: donati gli organi

CAMPOBELLO. Grande gesto di solidarietà della famiglia La Mattina – Giordano di Campobello di Licata. La morte dell’insegnante di religione, Anna Giordano, grazie all’assenso all’espianto ed alla donazione degli organi, ha ridato speranza di vita ad altre persone che da anni attendono un trapianto. Un gesto encomiabile, seppur figlio di un dolore immenso.

I suoi familiari hanno assecondato quello che era da sempre stato un suo desiderio: hanno acconsentito all’espianto di organi che serviranno a ridare speranza di vita ad altre persone. Anna Giordano aveva appena compiuto 57 anni. Era stata colpita da un improvviso malore, domenica scorsa mentre era a messa nella Parrocchia che da sempre frequentava, quella di Lourdes a Campobello di Licata. Anna Giordano era un’insegnante di religione all’istituto tecnico “Galileo Galilei” di Canicattì. Sposata con il medico geriatra Salvatore La Mattina e madre di tre figli, Anna Giordano aveva iniziato da giovanissima ad insegnare religione.

La sua carriera era iniziata all’istituto tecnico “Gino Zappa” di Campobello e dopo l’accorpamento della sezione di Naro con il Galilei si era trasferita a Canicattì. Domenica scorsa, mentre partecipava alla Messa e si stava accingendo ad andare a leggere la lettura della domenica delle Palme, ha accusato un malore: era stata colpita da aneurisma. Immediatamente soccorsa e trasportata in ospedale al Barone Lombardo di Canicattì, la professoressa Giordano è stata sottoposta alle prime cure ma per la gravità delle conseguenze dell’aneurisma è stata trasferita a Catania, dove ieri è stata accertata dai medici la morte cerebrale. Affranto il marito, persona molto nota a Campobello di Licata, sotto choc i figli che hanno perso la madre così giovane.

Commosso tutto il paese, dal sindaco Gianni Picone alle associazioni religiose presenti in città: L’associazione Pa. Sol Giovani di Campobello di Licata, il presidente e Tutti i Soci – ha scritto su facebook Carmelo Ciotta – desiderano ricordare Anna Giordano, Animatrice di Pastorale Giovanile di Grande Qualità, Correttezza e Sempre Presente. Siamo vicini con la Preghiera alla Famiglia La Mattina”. Un significativo “Ciao Anna”, così ti conservo nei miei ricordi con tutta la gioia e la forza che sempre hai manifestato con la tua vita – lo ha scritto suor Pia Ciotta”. Commozione anche a scuola, all’istituto tecnico Galilei, dove Anna insegnava religione. Tutti i suoi alunni, ma molti ex studenti che hanno avuto modo di conoscerla, la ricordano come una persona solare, sempre col sorriso sulla bocca e pronta a dare un consiglio da amica.

“La nostra scuola – ha detto il dirigente scolastico, Enzo Fontana – è rimasta sotto choc per la notizia dell’improvvisa scomparsa dell’insegnante Anna Giordano. Non ci sono parole per esprimere il nostro cordoglio. Ci stringiamo attorno alla famiglia affranta da un così immenso dolore”. Un ringraziamento alla famiglia La Mattina – Giordano è stato fatto dal presidente provinciale dell’Aido, Vincenzo Lauricella.

“Un gesto di gran cuore – ha detto”. Attualmente i donatori della provincia di Agrigento, regolarmente censiti, sono 5.311. mentre al 31 dicembre 2017 erano 5.229.

Le sedi Aido che operano in provincia sono quattro e cioè: la sezione provinciale di Agrigento, con il suo direttivo; Licata – gruppo comunale “Cammalleri”; Canicattì – gruppo “Elide Cangialosi”, Favara – gruppo comunale “Nunzio Papa”; Siculiana – gruppo comunale “Pasquale Colletto”.