Blitz antidroga “Piramide”, al via gli interrogatori

Al via questa mattina davanti al Gip del Tribunale di Agrigento Stefano Zammuto, gli interrogatori delle 7 persone finite agli arresti domiciliari nell’ambito dell’operazione “Piramide”, che avrebbe sgominato un giro di spaccio di cocaina e hashish tra Agrigento e Caltanissetta. L’inchiesta avrebbe accertato che i presunti pusher, potendo uscire da casa durante il lockdown solo per fare la spesa, con l’autocertificazione, avrebbero smerciato stupefacenti davanti e dentro alcuni supermercati.

Si tratta di: Mirko Salvatore Rapisarda, 40 anni, di Gela; Ignazio Agrò, 63 anni, di Racalmuto; Salvatore Carlino, 31 anni, originario di San Cataldo e residente a Canicattì; Salvatore Vetro, 45 anni, di Favara; Sabrina Beatrice Palmeri, 38 anni, di Favara; Calogero Busuito, 50 anni, di Grotte e Gianluca Taibi, 42 anni di Racalmuto. Il blitz condotto sul campo dai carabinieri della Compagnia di Agrigento, è stato coordinato dal procuratore capo Luigi Patronaggio, e dal pubblico ministero Gloria Andreoli.

(Nella foto il colonnello Vittorio Stingo, il maggiore Marco La Rovere e il capitano Alberto Giordano)