Bilancio Agrigento, il municipio accelera

A Palazzo San Domenico è tempo di ore piccole, bisogna ingranare la marcia e accelerare per l’approvazione del bilancio. La manovra arriverà in aula Sollano a breve. Inizierà quindi la ‘maratona’ per dare l’ok entro il 31 dicembre ed evitare una nuova crisi economico-finanziaria. E’ cominciata la corsa a tappe (forzate) che dovrebbe portare entro la fine dell’anno all’approvazione del Bilancio di previsione 2018 da parte del Consiglio comunale.

La giunta comunale ha trasmesso al presidente del consiglio Daniela Catalano il documento chiedendo di convocare una seduta straordinaria di consiglio comunale per approvare il primo bilancio stabilmente riequilibrato dopo le indicazioni dei revisori dei conti.

“L’approvazione del documento contabile – ha detto l’assessore al bilancio Nello Hamel – consentirebbe all’amministrazione non solo di operare con capitoli rimpinguati che consentiranno anche una programmazione ma anche di spendere. Non approvare il bilancio entro la fine dell’anno – aggiunge Hamel –  significa invece rinunciare alla stabilizzazione del personale, problemi con il pagamento delle ditte e carenza di liquidità”.

Il Consiglio comunale quindi, deve dare un segnale di responsabilità: in una fase di emergenza la politica deve lavorare senza sosta. Il sindaco di Agrigento vuole a tutti costi allontanare lo spettro della mancata approvazione dello strumento contabile e scongiurare il rischio di default.

Ci aguriamo che il bilancio possa essere approvato prima della fine dell’anno. Abbiamo avuto indicazioni positive a riguardo. Il documento è stato trasmesso alla presidenza del consiglio comunale. Si lavora per superare le criticità indicate dai revisori. Ci serve un approfondimento“. Conclude Hamel che nelle prossime ore avrà una nuova riunione a riguardo.

La giunta, come detto, ha già approvato il bilancio. Chi invoca il crollo di Palazzo San Domenico a questo punto si assume una responsabilità gigantesca perchè la preoccupazione di un default esiste ed è concreta.

La parola spetta adesso al presidente del consiglio Comunale: Daniela Catalano è chiamata ad accelerare sulla vicenda e portare i conti all’esame dell’aula prima possibile.

“La proposta di bilancio previsionale con annessa relazione dei revisori è arrivata nell’ufficio di presidenza martedì scorso – spiega la presidente Daniela Catalano – pur avendo due giorni di tempo per trasmettere il tutto ai capigruppo e per notiziare i consiglieri, ho ritenuto utile inviare immediatamente una pec ad ogni esponente della pubblica assise”.  La prima tappa è fissata per il 24 dicembre, quando scade il termine per presentare i relativi emendamenti. “Il 27 – annuncia la Catalano – ci sarà la prima seduta, ma a quel punto ogni consigliere avrà avuto il tempo per esaminare il documento”.



In questo articolo: