Aumento di biglietti e abbonamenti dei treni in Sicilia, la protesta

Sicilia –  Aumenta il costo del biglietto dei treni ma non migliorano i servizi. Il 2020 inizia con una brutta notizia per tutti i pendolari che utilizzano la linea ferrata. Infatti dal primo gennaio vi è stato un sensibile aumento del prezzo dei biglietti/abbonamenti, mentre dal canto loro le associazioni dei pendolari denunciano come a dispetto dell’innalzamento delle tariffe, soltanto il ritardo dei treni rimanga sempre invariato.

I treni, secondo un rapporto redatto dal comitato pendolari siciliani-Ciufer, sono molto spesso anche in ritardo. Se il trasporto su gomma deve fare i conti con strade tutt’altro che scorrevoli, quello su ferro è ancora caratterizzato da un elevato numero di treni in ritardo.  

Il comitato pendolari, nell’arco di 60 giorni, ha monitorato 9 linee, conteggiando 40.636 minuti di ritardo. È quanto emerge dall’analisi di circa 11mila treni in esercizio lungo la Messina-Catania-Siracusa, Catania-Palermo, Palermo-Trapani, Messina-Palermo, Messina-Sant’Agata di Militello-Palermo, Agrigento-Palermo, Modica-Ragusa-Caltanissetta, Siracusa-Ragusa-Gela e Catania-Caltagirone.

Nel dettaglio, dei 749 treni monitorati sulla Catania-Palermo 180 risultano essere arrivati a destinazione in anticipo sull’orario previsto, 32 in orario, 266 con un ritardo entro i 5 minuti, 94 in ritardo di 10 minuti, 63 in ritardo di 20 minuti e 98 oltre i 20 minuti. A ciò si aggiungano 18 treni soppressi e 11 parzialmente soppressi, per complessivi 3.994 treni-chilometro cancellati e 6.581 minuti di ritardo.

Le nuove tariffe – ha dichiarato l’assessore ai Trasporti Marco Falcone – sono inevitabili. Nel 2019 infatti abbiamo scongiurato un aumento del 7%. Oggi, a fronte di un miglioramento del servizio e lavori alla rete ferroviaria, il 10% in più credo sia sopportabile dall’utenza”.

Peccato però che viaggiare in Sicilia, tra strade e ponti interrotti, cantieri mai terminati, caro voli, ferrovie e treni obsoleti, è sempre più complicato.