Arriva Natale ma Agrigento è al buio

Arriva Natale ma Agrigento è al buio. Luminarie in città, queste sconosciute.

 

Nessuna traccia in via Atenea degli addobbi nel giorno dell’Immacolata – Il Sindaco: «Ritardo nell’approvazione variazioni di bilancio al Parco da parte della Regione. Approvate venerdì. In settimana attive» (ndr).

 

Città incantate per le festività, dai quartieri di periferia a quelli del centro, dalle parti di Agrigento, invece, fa male scoprire una città ancora al buio senza le consuete luminarie della festa, senza luci ad effetto pioggia, almeno finora lungo il salotto cittadino e nessuna decorazione che ci ricordi il magico periodo dell’anno. Se non fosse per alcuni commercianti, Agrigento si appresterebbe a vivere le festivita’ senza nulla di positivo per il rispetto delle tradizioni con il centro praticamente spento.

Agrigento deve, comunque, ringraziare  una persona, una sola per il suo immutato affetto, un attaccamento alle proprie radici sicuramente lodevole dimostrato da 4 anni consecutivi. parliamo del dott. Franco Miccichè, ex assessore comunale della citta’ dei templi che anche quest’anno ha voluto regalare ai propri concittadini l’albero di natale che potrà piacere o non piacere ma che rappresenta l’unico segnale che aiuta a respirare l’aria di festa. Anzi quest’anno Franco Miccichè di alberi ne ha regalati due.

Uno lo ricordiamo è stato collocato a San Leone. Bella anche l’iniziativa di Social Street, i residenti hanno adornato la via Foderà, mentre l’Albero di Villaseta è staro allestito dai volontari da strada. Diventa difficile raccontare solo cose brutte e lo facciamo solo per dovere di cronaca senza quindi voler crocifiggere qualcuno ma è dovere del cronista raccogliere le lamentele e i mugugni della gente sperando poi che chi di dovere provveda ad essere piu’ attento a cominciare dalle piccole cose come potrebbe essere un addobbo di natale. Quanto costa vestire a festa la città, vorremmo saperlo.

Eugenio Cairone