Arredamento bagno: il dilemma tra vasca e doccia

Il bagno è diventato, col tempo, una delle stanze più importanti della casa. Questo perchè in bagno ci sentiamo al sicuro, e dedichiamo del tempo a noi stessi, rendendolo quasi un rifugio privato dove godersi un po’ di silenzio.

E così, quando c’è da ristrutturare o arredare il bagno diventa fondamentale pensare a come ottimizzare al meglio lo spazio a disposizione. È quì, dunque, che sorge la domanda classica: meglio la vasca o la doccia?

La riduzione dei metri calpestabili nelle case, la necessità di velocizzare il tempo del bagno, l’indiscutibile comodità hanno fatto sì che la vasca da bagno sia andata gradualmente scomparendo dalle case in favore della doccia. La vasca è adottata quasi essenzialmente come opzione extra in secondi bagni, ma quasi mai come sistema unico. I modelli delle docce si sono evoluti con il tempo, come ad esempio la colonna doccia filo shower.

Se una volta in circolazione c’era quindi solo il classico piatto doccia in porcellana con doccetta semplice e pannelli opachi intorno, oggi la doccia si è evoluta diventando talvolta una piccola Spa personale, elegante e sofisticata. La doccia costituisce nel bagno un metro quadrato circa di piacere, di relax e di buon umore. Ovviamente per essere tale deve rispondere a determinate caratteristiche, quali comodità e comfort. Questi due elementi non possono prescindere dal soffione installato nella doccia molto cambiati anche i soffioni che, di solito, quando più grande, è fisso e sistemato nella parte alta della doccia. Esso può avere forma rotonda o squadrata, spesso il materiale è l’acciaio inossidabile, con le finiture in cromo o a specchio. Questo modello permette di far scendere l’acqua abbondantemente con un getto a pioggia o a cascata, per un relax davvero totale. Talvolta esso è orientabile a piacimento, per dargli l’angolo preferito. La doccia, poi, è più veloce e invece di aspettare che l’acqua raggiunga la giusta temperatura e la vasca si riempia basta aprire il rubinetto, entrare nel box e il gioco è fatto. Poi, se la mattina sei sempre di corsa a causa del lavoro una doccia veloce è una scelta quasi obbligata.

Secondo lo Environmental Protection Agency (EPA), una vasca da bagno piena richiede circa 70 litri di acqua, mentre la doccia in 10 minuti di utilizzo da 20 a 40 litri. La vasca, invece, garantisce innanzitutto un maggiore relax e comfort, permette di sdraiarsi per un bel bagno caldo e cacciare via tutti i pensieri.

La vasca idromassaggio consente inoltre di godere di vari benefici. E’ possibile scegliere vasche di diversi materiali e di diversi modelli, rettangolari, rotonde, ovali o quadrangolari, che si adattano perfettamente ai propri gusti e alla struttura del bagno. Sempre più persone, poi, stanno adottando la soluzione delle vasche idromassaggio che permettono di trasformare la propria casa in una vera e propria area spa.