Amministrative a Favara, Antonio Palumbo sarà il candidato sindaco di Scegli Progetto Comune

E’ stata presentata, nel corso di una partecipata assemblea pubblica la candidatura a sindaco per le prossime amministrative di Favara di Antonio Palumbo, espressione di Scegli Progetto Comune, che raduna Pd (Partito Democratico), Movimento 5 Stelle, PiùECO (Ecologisti Confederati), Favara Beni Comuni e di varie associazioni di volontariato e di attivismo civico. L’individuazione di Palumbo, ex consigliere comunale, è avvenuta per acclamazione dei presenti e arriva al termine di una lunga fase di confronto e costruzione di un progetto di matrice civica che ha l’obiettivo di affrontare concretamente i tanti problemi che affliggono Favara.

“Sono molto emozionato e onorato dell’individuazione quale candidato sindaco – spiega Palumbo – soprattutto per come questo è avvenuto: lavoriamo da oltre un anno su questo progetto, che parte dal basso e coinvolge persone di diverse sensibilità politiche e con diverse provenienze. Siamo convinti che la diversità sia un valore aggiunto, se alla base vi è però una condivisione di valori e obiettivi. Credo che con questa assemblea abbiamo dato una bella lezione di politica e da qui partiremo nell’immediato per iniziare a lavorare con i cittadini e le parti sociali per la redazione di un programma che sarà cucito sulle necessità del paese. Questo perché Favara ha bisogno misure straordinarie che non potranno non essere condivise con tutti”.

Diversi i punti trattati durante il suo primo discorso da candidato Sindaco da Palumbo: la situazione economica del Comune, l’altissimo tasso di evasione fiscale, il mancato controllo della parte pubblica sui gestori dei servizi pubblici e l’eccessivo costo della Tari, l’assenza di una vera progettualità per il futuro del paese.

“Il nostro obiettivo è vincere le elezioni e governare Favara – ha detto – avendo i cittadini al nostro fianco. Molti vorrebbero che i favaresi, esaurito il loro ruolo di elettori, tornassero al silenzio. Noi no: è necessario che chi vive una città sia parte attiva nel processo di governo della stessa. Per questo, già da subito, avvieremo un lungo percorso di ascolto e coinvolgimento diretto dei cittadini, affinché possano essere al nostro fianco in un processo di rivoluzione del sistema politico locale”.

Ad intervenire nel corso dell’assemblea, tra gli altri, il deputato regionale del Movimento 5 stelle Giovanni Di Caro, il presidente provinciale del Partito Democratico Giovanna Iacono, il responsabile provinciale di Più ECO Ecologisti Confederati Alberto Crapanzano, l’operatore culturale Antonio Liotta e l’ex sindaco Domenico Russello. A moderare l’assemblea è stato Fabio Patti di Favara per i Beni Comuni.