Akragas, Castronovo: “Accuse ridicole di Lala e Procida”

La società Asd Akragas 2018, con in testa il suo presidente Giovanni Castronovo, respinge con forza “le accuse infamanti e ridicole” mosse contro il club biancoazzurro e i suoi dirigenti dagli ex tesserati Pietro Lala e Stefano Procida, rese recentemente tramite il profilo Facebook.

L’Akragas rende noto, attraverso una nota, che ai due calciatori, “che hanno avuto l’onore di indossare la gloriosa maglia dell’Akragas disputando, tra l’altro, una stagione al di sotto delle aspettative, probabilmente a causa dei tanti e frequenti infortuni, supportati anche economicamente dalla società akragantina, non verranno corrisposti gli stipendi arretrati perché alla vigilia della delicata partita contro la Pro Favara dello scorso 1 marzo, hanno abbandonato la squadra di loro spontanea volontà”.

“La società tiene anche a precisare che sta provvedendo a saldare le spettanze arretrate a tutti gli altri tesserati dell’Akragas, che fino alla sospensione del campionato di Eccellenza hanno difeso con onore i colori biancoazzurri”. Infine, alla luce delle ultime e pesanti accuse nei confronti dell’Akragas e dei suoi dirigenti, l’Akragas ha dato mandato ai suoi legali di presentare querela contro i calciatori Pietro Lala e Stefano Procida alla Procura della Repubblica.