Agrigento: La Chiesa agrigentina si arricchisce di ministeri

‎Lo scorso 26 maggio, nella parrocchia S. Nicola a Fontanelle di Agrigento, l’arcivescovo-metropolita don Franco Montenegro, nel corso di un’affollata e partecipata assemblea liturgica, ha conferito il ministero del Lettorato a sei seminaristi provenienti da diversi Comuni della nostra arcidiocesi. un ministero quello del Lettorato che abilita ufficialmente alla proclamazione della parola di Dio durante la celebrazione della liturgia e che include anche i compiti di catechista, per educare alla vita sacramentale il popolo di Dio. Inoltre ha conferito a tre giovani seminaristi, pure studenti nel nostro Seminario di Agrigento, due della diocesi di Tanzania ed uno della Comunità ecclesiale di Agrigento, il ministero dell’accolitato. Un ministero quest’ultimo che viene considerato come il più importante degli Ordini minori, che viene ricevuto perciò dal vescovo dopo il lettorato, e che comunque mantiene ancora l’ l’accolito era a tutti gli effetti un laico, che tuttavia aiuta più da vicino all’altare il sacerdote, prepara i vasi sacri e quanto occorre alla celebrazione e diventa ministro straordinario della Comunione. Cosa che significa che colui che presiede la celebrazione, in caso di necessità, può chiamarlo a distribuirla o a portarla agli ammalati. Ecco i giovani seminaristi che hanno ricevuto i due ministeri: Bellavia Rosario, della comunità ecclesiale che è in Favara. Bruno Settimio Alessandro, della comunità ecclesiale che è in Agrigento. Cusumano Calogero Giuseppe, della comunità ecclesiale di Caltabellotta, Gattuso Giovanni, della comunità di Cianciana, Piazza Salvatore, della comunità ecclesiale di Menfi, Principato Stefano, della comunità ecclesiale di Agrigento. Nella stessa celebrazione conferirà, inoltre, il ministero dell’Accolitato ai seminaristi: Mlawa Benjamin e Mgeni Pastor, della diocesi di Iringa-Tanzania, studenti nel seminario di Agrigento e Scorsone Riccardo, della comunità ecclesiale di Agrigento.